Fino a qualche settimana fa sembrava che il destino di Simone Inzaghi fosse legato alla qualificazione all’Europa League, ancora possibile per la Lazio sia tramite il campionato che la Coppa Italia (mercoledì prossimo c’è la finale con l’Atalanta). E invece l’addio ci sarà indipendentemente da tutto. Il rapporto tra Lotito e Inzaghi è ai minimi termini, le strade della tecnico e della Lazio stanno per separarsi.

Simone Inzaghi dove allenerà nella prossima stagione

Dopo la finale di Coppa Italia sarà tutto molto più chiaro. Ma Inzaghi sembra vicinissimo all’addio. Lotito ritiene che se la Lazio è fuori dalla lotta Champions e addirittura si trova in ottava posizione è colpa del tecnico, che non è riuscito a sfruttare il potenziale della rosa. Inzaghi saluterà a fine stagione. Difficile pensare a un futuro al Milan per Inzaghi, i rossoneri pensano soprattutto a Di Francesco. L’Atalanta, in caso di addio di Gasperini, e la Sampdoria, che si separerà da Giampaolo, potrebbero fare una telefonata piuttosto convincente a Inzaghi, che quindi continuerà in ogni caso la sua carriera in Serie A.

Chi potrebbe essere l’eventuale successore di Inzaghi sulla panchina della Lazio

Il candidato più forte per la successione di Inzaghi è senza dubbio Roberto De Zerbi, tecnico che piace a molti. L’allenatore ha un accordo con il Sassuolo, che non si metterà di traverso se lo chiamerà una big. Secondo alcune informazioni il club del presidente Lotito avrebbe già proposto un triennale da 300mila euro netti a stagione più bonus al tecnico che compirà quarant’anni tra pochi giorni. Ma De Zerbi non è l’unico candidato, perché i biancocelesti tengono d’occhio anche Sinisa Mihajlovic, che in questi ultimi mesi ha rivoltato il Bologna ed è diventato così uno degli allenatori più desiderati di tutta la Serie A. Il serbo è amatissimo dalla tifoseria della Lazio.

Il tecnico del Sassuolo favorito per la successione, eventuale, di Inzaghi.
in foto: Il tecnico del Sassuolo favorito per la successione, eventuale, di Inzaghi.