Due pareggi e tre vittorie: le ultime due in soli tre giorni con Fiorentina e Torino. La Lazio di Simone Inzaghi si presenta a San Siro con un biglietto da visita di tutto rispetto. Nonostante l'ottima condizione della sua squadra, Simone Inzaghi però non si fida dell'avversario: il Milan di Stefano Pioli. Il tecnico biancoceleste lo ha ammesso durante la conferenza stampa della vigilia: "Affrontiamo una squadra forte che lo scorso anno è arrivata quinta in campionato. Hanno venduto Cutrone, ma hanno comprato cinque giocatori molto forti e allestito una formazione per migliorare la posizione della scorsa stagione".

La stima nei confronti di Pioli

La crisi rossonera, dunque, è un falso problema per il mister laziale: "È vero, hanno perso qualche punto ma hanno vinto l'ultima con la Spal. Dovremo mettere in campo tantissima personalità e cercare di fare una partita importante domani. Le prossime tre gare saranno molto importanti, a partire da quella di San Siro dove affronteremo una squadra di valore, un ottimo tecnico ed un pubblico sempre molto caloroso. Dobbiamo dare il massimo sapendo che negli ultimi anni abbiamo interpretato al meglio le gare che abbiamo disputato con personalità. Pioli? C'è grande stima tra me e lui, abbiamo lavorato insieme: è un tecnico molto preparato che dà grande organizzazione alle sue squadre".

Il valore di Immobile e il Var

Sul possibile undici che Simone Inzaghi manderà in campo al ‘Meazza', c'è ancora qualche dubbio come ha confermato lo stesso allenatore: "Questa è la quinta gara ravvicinata e devo fare ancora delle valutazioni – ha spiegato il mister – I ragazzi sembrano aver recuperato bene e l'ultimo allenamento mi chiarirà meglio le idee sulla formazione". Chi sarà certamente della partita è Ciro Immobile, che superate le incomprensioni con il tecnico, è tornato a segnare con una certa regolarità: "I numeri di Immobile sono schiaccianti. Quest'anno, sin dall'inizio, i centravanti ci stanno aiutando tanto nella manovra".

"Ciro è supportato alla grande da tutta la squadra ed ogni calciatore dà il massimo per esaltare le caratteristiche del nostro bomber. Il numero 17 biancoceleste non si tira mai indietro, anche quando c'è da lottare. Immobile ha battuto tutti i record con la maglia della Lazio, ma può fare ancora di più. Correa? Sono felice del suo rendimento, in questi giorni l'ho visto molto voglioso e domani mi aspetto una grande gara da lui. Del Var non voglio più parlare, è certamente una tecnologia utile per giudicare gli episodi più evidenti in maniera oggettiva. La nostra classe arbitrale è tra le migliori e continuerà a decidere sugli episodi al meglio".