Venerdì scorso la Lazio nel match contro la Juventus è scesa in campo con sulla propria maglia il logo del Giubileo, voluto da Papa Francesco e che partirà domani nella Capitale. L’iniziativa era stata voluta fortemente soprattutto dal presidente Lotito, ma qualcosa è andato storto. Secondo quanto riporta ‘La Gazzetta dello Sport’ il Vaticano avrebbe addirittura diffidato Lotito e la Lazio dall’utilizzare il logo ufficiale dell’evento.

Pare che il problema sia nato perché la Roma, dopo una trattativa durata diversi mesi, è riuscita ad accordarsi per la Festa della Famiglia che verrà celebrata il prossimo 3 settembre. Per ricordare quest’evento i giallorossi hanno intenzione di organizzare un’amichevole di lusso in cui la Roma potrà sfoggiare proprio una maglia con il logo del Giubileo che terminerà nel dicembre del 2016. Il presidente Lotito invece avrebbe richiesto un trattamento simile a quello della Roma, ma l’esito è stato completamente differente. Il club del presidente Pallotta però non utilizzerà il logo che è apparso sulla maglia della Lazio nell’ultimo match di campionato, che è stato scelto da Lotito come ‘omaggio ai valori dell’Anno Santo’. Il club biancoceleste ha comunque smentito sui propri profili social le voci di una diffida del Vaticano in merito all’uso del logo ufficiale del Giubileo.

Si conferma questo un momento assai complicato dovunque per la Lazio. Perché i biancocelesti in classifica stanno precipitando. Pioli potrebbe essere esonerato se non riuscirà a battere lunedì prossimo la Sampdoria di Montella. La Lazio si trova all’undicesimo posto, alla pari del Chievo, è lontana dodici punti dal terzo posto (che ottenne nella passata stagione), e soprattutto sembra aver subito un black-out a livello fisico e mentale. Nelle ultime cinque partite la squadra di Lotito ha ottenuto un solo punto.