L'Atalanta ha vinto in casa del Cagliari per 1-0 grazie alla rete di Hans Hateboer e adesso sogna in grande: la squadra di Gian Piero Gasperini ora si trova al quinto posto, a pari merito con Roma e Lazio, ed è ad un solo punto dalla zona Champions League. Dopo un primo tempo avaro di emozioni, la ripresa è partita col piede sull'acceleratore e la rete della vittoria dei bergamaschi ha dato una scossa importante anche al Cagliari. I sardi hanno provato ad essere più intraprendenti ma l'Atalanta ha continuato a tenere il pallino del gioco in mano e, se si toglie la traversa colpita da Deiola nel finale, ha sofferto il minimo indispensabile.

Le formazioni

Maran ha mandato in campo i suoi con il solito 4-3-1-2 con Cragno in porta; Pisacane, Ceppitelli, Romagna e Faragò in difesa; Deiola, Cigarini, Padoin e Ionita a centrocampo con Birsa in appoggio a Pavoletti. Gasperini non ha cambiato la sua Atalanta: tra i pali Berisha, Toloi, Djimsiti e Palomino dietro; Hateboer, de Roon, Freuler e Castagne in mediana con Pašalic e Gomez a supporto di Zapata.

Le formazioni di Cagliari–Atalanta. (whoscored.com)
in foto: Le formazioni di Cagliari–Atalanta. (whoscored.com)

Hateboer decide la gara della Sardegna Arena

Fin dall'inizio la gara è subito frizzante ed entrambe le squadre sembrano voler essere subito protagoniste. Tegola per il Cagliari al 14′, quando Birsa è stato sostituito dopo uno scontro con Palomino: l'ex Chievo è costretto ad uscire e lascia il campo tra le lacrime. Al suo posto è entrato Joao Pedro. La Dea ha pian piano preso campo e ha tenuto un grande possesso palla (63%) ma le parate di Cragno non sono state molto impegnative perché la squadra di Rolando Maran si è difesa in maniera ordinata e non ha lasciato moltissimo spazio alle bocche di fuoco di Gasperini.

Heatmaps del primo tempo di Cagliari–Atalanta. (whoscored.com)
in foto: Heatmaps del primo tempo di Cagliari–Atalanta. (whoscored.com)

Il fortino dei sardi, però, ha retto fino al 50′, quando Hans Hateboer ha colpito di testa sovrastando Padoin e mandando la palla alle spalle di Cragno. Dopo un check col VAR da parte di Valeri il goal viene convalidato e la gara, giustamente, riprende: quella del laterale olandese è la quarta rete in campionato, la quinta in stagione. Il Cagliari non ci sta e reagisce subito allo svantaggio con Pavoletti e Joao Pedro ma Berisha ha respinto prontamente e senza esitazioni.

Annullata una rete alla Dea al 63′ per fuorigioco di Pasalic sugli sviluppi di un calcio di punizione che aveva portato al cross Freuler e una deviazione aveva messo fuori causa Cragno. Alla sua prima presenza con il Cagliari si è infortunato Cyril Thereau e ha lasciato la sua squadra in 10 uomini dato che Maran aveva già effettuato i 3 cambi a sua disposizione. A pochi secondi dalla fine è stato Deiola a far tremare i nerazzurri ma la traversa gli ha negato la gioia del goal.

Altra grande prova della Dea che, nonostante ha dovuto faticare parecchio nel primo tempo, è riuscita a portare a casa una vittoria meritata per quanto visto nella ripresa e da quel momento ha preso in mano la partita: la squadra di Gasperini non ha mai permesso ai sardi di fare la partita era conquistato 3 punti importantissimi per la corsa alla zona Champions League,