L'Inter è avvisata, è una Dea formato Champions League. L'Atalanta ha seppellito il Bologna nel primo quarto d'ora dell'ultima gara del 30° turno di Serie A con un terrificante 4-1 e grazie a questa vittoria si porta a -1 dal Milan. I nerazzurri di Gian Piero Gasperini hanno dato una vera e propria dimostrazione di forza e hanno schiantato la squadra bolognese, che è apparsa inerme e quasi indifesa sotto gli attacchi dei calciatori orobici della prima frazione. La squadra di Percassi è ora al quinto posto in solitaria e domenica andrà a fare visita all'Inter di Luciano Spalletti per una sfida dal sapore europeo e dai grandi contenuti tecnici.

Ilicic boom: 2 goal in 5′ e Bologna ko. Hateboer fa tris

Partenza incredibile della squadra bergamasca che nel giro di 9′ ha infilato per tre volte la porta del Bologna, chiudendo di fatto il match prima che entrasse nel vivo. Il mattatore di questi primi minuti è  Josip Ilicic, che ha realizzato una doppietta in pochissimi secondi e ha messo subito in discesa la gara. Il numero 72 portato in vantaggio la Dea al 3′ con un grandissimo tiro che si è infilato sotto l'incrocio più lontano e al  5′ lo sloveno ha fulminato per la seconda volta Skorupski con un gran tiro di destro che va a sbattere sul palo opposto e finisce in rete.

Al 9′ è arrivata la terza rete dell'Atalanta con Hans Hateboer: l'esterno destro olandese ha sfruttato nel miglior modo possibile l'assist di un Ilicic in stato di grazia e ha trafitto il portiere rossoblù con un diagonale terrificante. La veemenza con cui i nerazzurri si sono abbattuti sulla squadra di Mihajlovic è davvero impressionante. Due delle prime tre reti sono frutto di errori in uscita della squadra felsinea e in queste situazioni può essere risultato pesante l'assenza di alcuni uomini titolari nelle zone nevralgiche del campo.

Duvan Zapata fa 20 in campionato: Dea mostruosa!

La grande stagione di Duvan Zapata era cominciata proprio con il Bologna, dove il colombiano aveva segnato la sua prima rete in campionato dopo 3 mesi e mezzo di digiuno, e anche stasera il numero 91 non è voluto essere da meno: l'ex attaccante di Napoli, Udinese e Sampdoria ha vinto il duello fisico con Gonzalez, si è spostato il pallone con il tacco e ha tirato una bordata di destro che ha scheggiato la traversa ed è finita nel sacco. Nella ripresa Zapata aveva realizzato anche un altro goal ma prima di infilare la palla in rete ha toccato il pallone con la mano e l'arbitro Rocchi ha prontamente annullato: per questo intervento Duvan si è beccato un'ammonizione che gli costerà la gara di domenica a San Siro.

Orsolini beffa Gollini e dimezza il passivo: 4-1

A rendere meno pesante il passivo per i rossoblù di Mihajlovic è Riccardo Orsolini che al 54′ ha sorpreso Gollini con un calcio di punizione da posizione defilata e ha portato la gara sul 4-1 finale. Per l'esterno offensivo del Bologna si tratta del quarto goal in campionato.

Record Atalanta: eguaglia la Juve del 1932

Questo fenomenale inizio di gara ha portato l'Atalanta ad eguagliare un record davvero incredibile: la Dea è stata la prima squadra a segnare 4 gol nei primi 15 minuti di gioco di un match di Serie A dopo la Juventus contro la Roma nel marzo 1932. In quel caso la squadra bianconera, guidata da Carcano, inflisse un sonoro 7-1 finale ai giallorossi di Baar.