Con la giornata di ieri per è chiuso il girone di andata della Serie A 2018/2019. Le tre giornate di campionato tra il 22 e il 29 dicembre sono state una novità assoluta ma ora è il momento di fermarsi per rifiatare e accumulare energie per il rush finale. Questa pausa di 20 giorni non può che far bene ai calciatori per recuperare le energie, alle società per stemperare le solite polemiche arbitrali e a tutti quelli che fanno parte del movimento calcio italiano per ragionare su quello che è successo negli ultimi giorni dopo gli spiacevoli episodi di San Siro. Il campionato riprenderà il 19 gennaio con la prima giornata di ritorno: aprirà Roma-Torino alle ore 15:00 e chiuderà Genoa-Milan lunedì 21. Nel frattempo ci sarà la Coppa Italia, che darà un anticipo di calcio perita della Supercoppa, il primo trofeo della stagione.

Si gioca la Coppa Italia e la Supercoppa

Sabato 12, domenica 13 e lunedì 14 gennaio si giocheranno gli ottavi di finale della Coppa Italia e entreranno tutte le big. Il primo girono si affronteranno Lazio-Novara alle ore 15:00, Sampdoria-Milan alle 18:00 e Bologna-Juventus alle 20:45 mentre la domenica altri tre match, con gli stessi orari del sabato: Torino-Fiorentina, Inter-Benevento (a porte chiuse) e Napoli-Sassuolo. Il giorno successivo chiudono questo round del "trofeo della coccarda" Cagliari-Atalanta alle ore 17:30 e Roma-Entella alle 21:00. Mercoledì 16 è in calendario la supersfida in Arabia Saudita tra Juventus e Milan che precederà di qualche ora la ripresa del campionato: si tratta del primo trofeo stagionale e sia i bianconeri che i rossoneri non hanno nessuna intenzione di rinunciarvi. A rimetterci in questa pausa lunga saranno soprattutto i fanta-allenatori, ma anche loro avranno bisogno di riposo in vista della fase calda della stagione.