Due calci di rigore assegnati col Var, più un terzo episodio che ha destato le proteste della Sampdoria. Sono questi i casi da moviola eclatanti che hanno caratterizzato il match di campionato giocato all'Allianz Stadium. Blucerchiati in casa della Juventus: la squadra di Giampaolo gioca con buona intensità agonistica e soprattutto non si lascia per nulla intimorire dal fattore campo, lo dimostra anche il botta e risposta avvenuto nel corso della prima frazione, con i liguri che affrontano a viso aperto la capolista.

La rete annullata a Saponara al 92°

Giusto annullare la rete a Saponara, quella del 2-2 in pieno recupero? Sì, alla luce di quanto emerso nella valutazione dell'azione da parte di Valeri. Sul rinvio imperfetto di Perin scaturisce il pareggio in extremis dei liguri: dopo il tocco di Defrel il pallone rimbalza sul piede di Alex Sandro ma è una deviazione che viene valutata come accidentale, non una giocata vera e propria dello juventino colpito dalla palla (secondo il direttore di gara). Cosa significa? Che la posizione non viene sanata. L'ex della Fiorentina segna ma l'esultanza dura poco. Il trequartista della Samp, infatti, è in fuorigioco come rilevato dall'arbitro attraverso la on-field-review. Gol annullato.

Rigore alla Samp col Var per ‘braccio' di Emre Can

Minuto numero 30. La Juventus è in vantaggio grazie alla rete segnata da Cristiano Ronaldo dopo pochi minuti. La Samp, però, non si scompone e tesse le proprie trame offensive. E' sugli sviluppi di un calcio d'angolo che si verifica il primo episodio da moviola: Emre Can salta a braccio largo in contrasto con Ekdal e devia la palla.

Il Var (Maresca e Del Giovane) richiama l'attenzione dell'arbitro Valeri: consulta la dinamica dell'azione al monitor a bordo campo e decreta la massima punizione, dal dischetto Quagliarella pareggia.

Silent check per un mani di Colley, non è rigore

Minuto numero 57. E' la Juventus a protestare per la mancata concessione di un calcio di rigore. Questa volta, però, Valeri non ricorre alla on-field-review per valutare l'episodio. Basta il cosiddetto ‘silent check' (ovvero il consulto con i collaboratori nella control room) per decidere sul colpo di testa di Matuidi deviato con una mano da Colley. Perché non è stato assegnato il penalty? Il braccio è attaccato al corpo.

Mani di Ferrari, il Var richiama Valeri: dubbi sul rigore

Minuto numero 62. La concessione del calcio di rigore per un mani di Valeri desta perplessità. La dinamica dell'azione è molto simile a quella precedente, quando in occasione del tocco di Colley non è stato concesso il rigore alla Juventus.

L'episodio si verifica sugli sviluppi di un calcio d'angolo e si rivela decisiva la segnalazione del Var all'arbitro Valeri. Il direttore di gara si reca di nuovo alla on-field-review e conferma la sua decisione. Dalle immagini, però, si vede che il braccio del difensore blucerchiato è aderente al corpo, si qui le perplessità sulla decisione.