La caviglia di Vidal preoccupa il Barcellona: "Non so cosa accadrà adesso"

Il 6 luglio il Cile proverà a guadagnarsi il podio contro l'Argentina per la classifica finale della Copa America 2019, ma sarà una partita che non avrà senzo. "Non conterà nulla" per dirla come Arturo Vidal, centrocampista cileno umiliato in semifinale da un Perù che adesso si giocherà il titolo contro il Brasile. Dopo aver eliminato l'Uruguay ai rigori i peruviani sono riusciti a vincere anche contro il favorito Cile con un perentorio 3-0.

Una semifinale che è stato un calvario per il Cile che partiva anche con i favori del pronostico galvanizzato da un tabellone amico visto che sull'altro lato c'era una semifinale che sapeva da scontro fratricida anticipato, con Argentina-Brasile. E invece, il Cile è uscito malamente dalla Copa America, colpa dei tre gol che ha subito: Flores (21′), Yotun (38′) e Guerrero (91′).

Onore al Perù, ma con riserva

Più che una sconfitta è stata una umiliazione per la Roja e per Vidal che adesso non riesce nemmeno a guardare con interesse la sfida contro Leo Messi e l'Argentina per il terzo posto. Una finale di consolazione che è più una partita tra deluse e perdenti: "Il Perù ha concretizzato le occasioni avute e questo ha fatto la differenza. Non possiamo sbagliare in questo modo in semifinale. Congratuliamoci col Perù per la finale anche se non sono mai stati realmente superiori a noi".

L'infortunio alla caviglia e l'ansia del Barcellona (e dell'Inter)

Nella finale contro Messi però Arturo Vidal potrebbe non esserci. E' uscito malconcio dalla sfida al Cile con una caviglia mal ridotta e il rischio di restare fermo a lungo. "Sarà una gara che conta poco e forse non scendo nemmeno in campo: ho una caviglia distrutta, vedremo cosa accadrà". E' questa però, la notizia più importante, l'infortunio di Vidal. In ansia c'è il Barcellona che punta molto sul cileno ma indirettamente anche l‘Inter di Conte che su Re Artù ha provato ad inserirsi in una trattativa che ha coinvolto anche Nainggolan.