Un matrimonio iniziato nel 2007, che diverse altre pretendenti hanno tentato di far naufragare e che ha tutte le carte in regola per durare ancora a lungo. Quella tra il Napoli e Marek Hamsik è una vera e propria storia d'amore consolidatasi nel tempo, ormai cosa rara nel calcio. Il calciatore in passato ha a più riprese rifiutato le proposte di diverse big che lo hanno corteggiato, intenzionato ad andare avanti in terra partenopea, dove potrebbe anche chiudere la carriera. A confermare la solidità del legame tra il centrocampista slovacco e il Napoli ci ha pensato il suo storico agente Venglos, che ha confermato le parole del suo collega e predecessore Mino Raiola, che non è riuscito in passato a far cambiare squadra a Marekiaro.

Hamsik sposato con il Napoli, la conferma di Venglos.

Lo storico agente di Hamsik ai microfoni di Radio Crc, ha confermato le parole di Raiola, dichiarando: "Dopo la fine della sua carriera non si sa quello che farà, ma è vero quello che dice Raiola: Hamsik ha sposato Napoli 10 anni fa e si sente napoletano. Ci sono state e ci sono tante squadre su di lui, ma Marek non si è mai voluto spostare quindi confermo tutto ciò che ha detto Raiola".

Quando Raiola provò a portare Hamsik al Milan.

Nel 2011 quello che è considerato il re dei procuratori italiani, ovvero Mino Raiola provò a portare Hamsik al Milan. Il club rossonero era pronto a tutto per portare lo slovacco a Milanello, forte anche dell'azione dell'agente e dei buoni rapporti con Hamsik. Quest'ultimo però decise di dire di no al Milan e a Raiola: "A Napoli sono sempre stato bene, perché andare via? Mi sono sempre sentito importante per questa squadra e ho scelto di continuare a esserlo. Alla fine chi è andato via poi si è sempre pentito. Qualche titubanza l’ho avuta per il Milan, ma ero anche più giovane. Raiola mi voleva? Si, l’operazione con il Milan era sua".

La rottura Hamisk-Raiola.

In passato però sul giocatore classe 1987 si è palesato anche l'interesse di club internazionali come lo United che hanno messo sul piatto cifre importanti per il giocatore che attualmente ha un ingaggio di 3 milioni di euro al Napoli. Nonostante questo il ragazzo, che con i suoi no di fatto aprì alla rottura con Raiola, ha deciso di restare in terra partenopea. L'agente dal canto suo da quel momento ha spesso e volentieri criticato sia l'atteggiamento di Hamsik, che l'operato del presidente De Laurentiis.

Hamsik in sintonia con Sarri.

Hamsik è concentrato sugli obiettivi stagionali e come tutto il gruppo azzurro crede nella possibilità di vincere lo scudetto. Nessun problema per qualche sostituzione di troppo da parte di Sarri, che è consapevole delle tante partite che gli azzurri dovranno affrontare: "Ho parlato con Marek ed è felicissimo dell’avvio della stagione del Napoli – aggiunge Venglos – Tutte le sostituzioni sono state concordate con l’allenatore: c’è grande rispetto dei ruoli ed è per questo che il mio assistito ha condiviso tutte le sostituzioni. Alcune sono state fatte per motivi tattici e altre per preservare Marek vista la lunga stagione che attende il Napoli"

Hamsik vicino al record di gol nel Napoli di Maradona.

E il faro del Napoli e della nazionale slovacca potrà sfruttare ancora tante partite per raggiungere e battere il record di gol in azzurro di Maradona. Il Pibe si è fermato a 115, con Hamsik che intravede la vetta a quota 113. Venglos è fiducioso: "Il record di Maradona? Spero che già in questo mese Hamsik possa raggiungere il record di gol di Maradona. Marek vuole segnare affinché il Napoli possa vincere qualcosa".