Con tutti i recuperati di questi giorni in casa Juventus è tornato il sorriso in vista della sfida al Wanda Stadium contro l'Atletico Madrid. Un crocevia importantissimo con la ripresa della Champions League, competizione che rappresenta l'obiettivo principale dei bianconeri. Se qualche giorno fa per Max Allegri erano più le croci delle soddisfazioni, all'indomani della vittoria contro il Frosinone, sono arrivate ottime sensazione da parte di tutti.

La partita contro il Frosinone ha fornito più di un semplice indizio in vista della sfida di Champions all'Atletico Madrid. Matuidi e Pjanic hanno riposato proprio in vista della Champions League e probabilmente ci sarà la conferma di Khedira. E con loro a centrocampo, di solito, Allegri completa il tridente con Bernardeschi con Dybala che potrebbe restare fuori.

Le indicazioni arrivate col Frosinone

Le scelte di Max Allegri sono chiare su alcuni capisaldi su cui costruire l'undici iniziale. L'aver rimesso in campo la coppia dei centrali difensivi Chiellini e Bonucci (con quest'ultimo a segno) è stata una indicazione importantissima. Poi a centrocampo Matuidi e Pjanic hanno riposato, ed è praticamente certo il loro impiego. Allo stesso modo, Khedira uscito prima suggerisce una mediana completata dal tedesco che ha bisogno di recuperare per essere al cento per cento.

Il grane escluso: Paulo Dybala

Quando Allegri a centrocampo inserisce Khedira-Pjanic-Matuidi, il tecnico bianconero preferisce completare il tridente d'attacco con Bernardeschi che – forse per un caso – ha riposato fino a sostituire Cristiano Ronaldo solo nel finale e a risultato acquisito. A questo punto, l'escluso è chiaramente uno: Paulo Dybala che potrebbe solamente entrare a partita in corso. Cristiano Ronaldo e Mandzukic non si discutono dall'inizio anche per le recenti dichiarazioni del tecnico.

Ad oggi, dunque la Juventus si presenterebbe a Madrid con questa formazione iniziale:

(4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Cristiano Ronaldo, Mandzukic.