Come sta Cristiano Ronaldo? La stella della Juventus giocherà la supersfida di Champions contro l'Atletico? Il verdetto definitivo arriverà nelle prossime, con Maurizio Sarri che comunque in conferenza stampa è apparso fiducioso. Quel Sarri che prima della rifinitura sul campo d'allenamento della Continassa si è intrattenuto a lungo con il bomber portoghese. Un lungo colloquio, che allontana anche le voci relative a possibili frizioni tra i due dopo il tanto discusso cambio in Juventus-Milan.

Sarri e Cristiano Ronaldo, fitto colloquio in allenamento

Prima della rifinitura odierna sui campi della Continassa, in occasione dell'allenamento della vigilia di Juventus-Atletico Madrid di Champions Maurizio Sarri si è intrattenuto a lungo con Cristiano Ronaldo. Cosa si sono detti i due? A parlare è stato soprattutto l'allenatore, gesticolando e mostrando probabilmente anche alcuni movimenti richiesti al giocatore che quasi sempre in silenzio ha annuito spesso e volentieri.

Sarri e i rapporti con Cristiano Ronaldo

Un colloquio che ha anche "allontanato" i rumours provenienti dalla Spagna e relativi ai presunti contrasti tra i due, soprattutto dopo il cambio non gradito dal calciatore in Juventus-Milan. Se Ronaldo aveva dopo gli impegni con la Nazionale minimizzato il tutto, anche il mister in conferenza stampa è intervenuto sulla questione con queste parole: "Non so che notizie arrivano a Torino, figuriamoci in Spagna. Il mio rapporto con i giocatori è buono, poi se uno si arrabbia per una sostituzione è positivo, soprattutto se ha vinto tutto e dimostra così di avere grandi motivazioni. Come ho sempre detto ormai da 25 anni vedo uscire giocatori incazzati per le sostituzioni, quindi non mi fa né caldo né freddo"

Patto Sarri-Ronaldo per la Champions

Unità d'intenti dunque in vista del prosieguo della stagione con l'Inter alle calcagna in Serie A, e la volontà di provare ad arrivare fino in fondo in Champions. Una sorta di patto di ferro, con la possibilità per Sarri di pensare anche a nuove soluzioni, come quella che potrebbe vedere CR7 in campo contemporaneamente con Dybala e Higuain. Ipotesi suggestiva ma difficile: "È difficile per le caratteristiche dei tre Ronaldo è il centroavanti più forte del mondo ma parte da sinistra, Dybala non è un trequartista ma un attaccante e Higuain è il numero 9. Abbiamo tre attaccanti forti per due posti. Nessuno dei tre può fare 65 partite, come si è visto nella parte iniziale della stagione tutti troveranno posto"