Dopo il saluto commosso all'Allianz Stadium e le ipotesi di entrare si da subito nell'organigramma tecnico della Juventus Andrea Barzagli avrebbe scelto di non far parte dello staff di Maurizio Sarri. Il dietrofront del calciatore toscano è maturato negli ultimi giorni, con la decisione dell'ex calciatore della Juve e della Nazionale Italiana di fare un passo indietro per dedicarsi ad altro nei prossimi mesi, ovvero i primi della sua nuova carriera dopo aver appeso le scarpette al chiodo. Il difensore campione del mondo nel 2006 con l'Italia non resterà nel gruppo che ha frequentato da calciatore fino alla fine del campionato 2018-2019, chiuso con l'ottavo scudetto consecutivo in bianconero e un commiato davvero emozionante, e osserverà da fuori il nuovo corso bianconero. Non è detto che Barzagli possa unirsi alla Juventus più avanti, a stagione in corso oppure nel prossimo futuro.

Lo staff di Sarri per il primo anno alla Juve

A 24 ore dall'inizio del ritiro della Juventus si va definendo lo staff che accompagnerà Maurizio Sarri nella sua nuova avventura. Farà certamente parte della squadra del nuovo tecnico bianconero Giovanni Martusciello, che si è liberato dall'Inter dopo essere stato il vice di Luciano Spalletti, sarà il vice allenatore e specialista della linea difensiva, uno degli aspetti che Sarri cura con maggiore attenzione. Gli uomini di fiducia di Sarri, che lo hanno seguito anche nell'esperienza al Chelsea, lo faranno anche a Torino: Marco Ianni, Massimo Nenci, Davide Ranzato, Davide Losi e Gianni Picchioni. L'unico cambio di programma, al momento, sembra essere quello che tiene fuori dal campo di allenamento un pezzo della BBC, proprio ora che a Torino è tornato Gigi Buffon. Si ripartirà con una BBC inedita (Buffon-Bonucci-Chiellini) ma non è detto che Barzagli non possa tornare a breve.