La Juventus ha messo un altro tassello nel puzzle tricolore vincendo grazie a Kean il match casalingo contro l'Empoli. Anche se il Napoli resiste, per il titolo non c'è discussione di sorta: il vantaggio resta immutato e le giornate alla fine sono sempre meno. Un viatico perfetto per affrontare questa settimana di overbooking da campionato, con il turno infrasettimanale e il week end dedicato al Milan, prima di rituffarsi in Champions League.

Per Max Allegri, più che i risultati tiene banco il discorso infortunati. All'appello, infatti, mancano due big: Paulo Dybala e Cristiano Ronaldo. Occhi puntati soprattutto sul portoghese ma anche sulla Joya che è a tutti gli effetti un'ulteriore freccia nell'arco bianconero per questo finale di stagione. I tempi sono sempre più stretti, i due piani di rientro già in atto ma mancano ancora certezze che dovrebbero arrivare dai nuovi test clinici programmati.

Come sta Paulo Dybala, i tempi di recupero

Dybala è l'ultimo, in ordine di tempo, ad essere entrato nell'infermeria dello JMedical. Poco prima del match di sabato in casa contro l'Empoli, l'argentino ha dovuto desistere: nell'anticipo di campionato non è stato impiegato all'ultimo momento da Allegri a causa di una ricaduta. Si tratta di un indurimento al polpaccio colpito in amichevole con la maglia dell'Albiceleste ed anche contro i sardi – nel turno di martedì sera – dovrebbe rimanere fuori, per provare a esserci nel big match col Milan per il weekend.

Come sta Cristiano Ronaldo, i tempi di recupero

Il fenomeno portoghese si è procurato una lesione di modesta entità ai flessori della coscia destra sempre durante la pausa per le nazionali, che non ha permesso a Cr7 di scendere in campo contro l'Empoli e che probabilmente lo costringerà a saltare entrambi i prossimi impegni di campionato con Cagliari e Milan. Per lui, lavoro a parte e nuovi esami previsti in settimana per monitorare i tempi di recupero. L'obiettivo è il 10 aprile, giorno della sfida ad Amsterdam contro l'Ajax in Champions League.