I record di Cristiano Ronaldo non si contano quasi più. Così anche nella serata contro il Frosinone, il fenomeno portoghese della Juventus ha conquistato l'ennesimo primato personale che ne conferma le qualità e l'altissima incidenza nei risultati della squadra. La rete del 3-0 contro i ciociari siglata sabato sera, qualche minuto prima di uscire dal campo, è stata la 19a dopo 24 giornate di campionato, proprio come riuscì a fare Michel Platini nel lontano 1985. Un altro passo verso la storia bianconera dove primeggia incontrastato Charles capace di segnare in 24 gare ben 21 gol.

Dopotutto la Juventus lo sa: Cristiano Ronaldo è sempre più un elemento fondamentale del quale difficilmente si potrà fare a meno e i numeri e le statistiche sono tutte a confermarlo. Il portoghese nella Juventus in zona gol è già diventato unico: ha preso parte attivamente a più della metà dei gol bianconeri in campionato con 27 centri su 52 in totale, nel particolare con 19 gol e otto assist. E con un intero girone di ritorno a disposizione, può soltanto migliorare ancora e strappare nuovi record personali.

L'avventura in Champions League

Questo in campionato, adesso alle porte c'è la Champions League con la doppia sfida all'Atletico Madrid che per Cristiano Ronaldo è quasi un derby, avendo giocato per anni con la maglia del Real. Al Wanda Metropolitano, casa dei Colchoneros, Ronaldo è rimasto a secco nell'unico precedente con la maglia del Real Madrid ma che rappresenta anche una delle vittime preferite del talentuoso portoghese.

L'Atletico, tra le vittime preferite

Durante la sua straordinaria carriera ha infatti segnato spesso contro l'Atletico Madrid. In totale sono stati 22 gol in 29 partite contro i Colchoneros che sono tra le vittime preferite di Cr7 che solo contro Siviglia e Getafe ha segnato più reti.