Archiviata con soddisfazione un'altra settimana importante, la Juventus di Massimiliano Allegri si sta preparando per la prima semifinale di Coppa Italia contro il Napoli. Nei piani alti della sede bianconera, invece, si guarda già al futuro. Marotta e Paratici sono infatti già al lavoro per rinforzare la rosa della prossima stagione. Tra i giocatori seguiti con interesse dalla coppia di mercato juventina, c'è anche Federico Bernardeschi: oggetto del desiderio di molti "top club" europei. Blindato fino al 2019, il talento classe '94 è però ancora in attesa di un cenno dalla società per il rinnovo. E' proprio in questa fase di stallo, secondo "La Stampa", che ne avrebbero approfittato i dirigenti della Juventus: già in contatto con l'agente Beppe Bozzo. Come riportato dal quotidiano piemontese, l'offerta dei viola per il prolungamento sarebbe inferiore a quella della Juventus: decisa ad andare avanti, anche in caso di un'eventuale clausola rescissoria da 70 milioni di euro.

La controfferta economica della Juventus

Per Andrea Della Valle, il talento di Carrara rimane incedibile. La Fiorentina vorrebbe infatti ricostruirsi intorno a lui, e mai accetterebbe di cederlo ai bianconeri: da sempre rivali, anche sul mercato. La situazione in casa viola, però, non può regalare certezze ai tifosi. La squadra è reduce da un periodo negativo e Paulo Sousa è sempre più vicino ad un clamoroso esonero. Proprio il tecnico portoghese ha avuto il merito di far rendere al meglio Bernardeschi e, in caso di un suo addio, non è utopistico pensare che anche lo stesso attaccante decida di lasciare Firenze. Oltre alle questioni legate al campo, il fattore economico sarà decisivo. Al momento il numero dieci gigliato guadagna 700 mila euro estendibili al milione con i bonus. La dirigenza toscana vuol fargli firmare il rinnovo a 2 milioni, la Juventus è però pronta a rispondere con una proposta di 3 milioni netti a stagione.