La Juventus di nuovo capolista solitaria riprende il suo cammino in Serie A sfidando il Bologna, una partita che può nascondere qualche insidia anche se vede nettamente favoriti i Campioni d'Italia. Alla vigilia il tecnico Sarri ha parlato dello scetticismo che ha accompagnato tutta la sua carriera, di Mihajlovic che spera di ritrovare in panchina da avversario già domani, e della formazione, non ha dato anticipazioni sul modulo, ma ha detto che Douglas Costa non ci sarà.

Douglas Costa salta Juventus-Bologna

Il brasiliano è sulla via del recupero, ma non è ancora a disposizione. Salterà la partita con il Bologna anche il difensore De Sciglio, fuori da un mese e mezzo. In gruppo Danilo e Ramsey, che però dovrebbero partire dalla panchina, gli impegni sono tanti ed entrambi rientreranno in modo graduale:

Sono rientrati in gruppo Danilo e, ieri, Ramsey. Per Douglas Costa e De Sciglio le notizie sono confortanti, ma non c'è stato ancora nessun rientro in gruppo.

Che bel Bologna, e aspetto Mihajlovic

Apprezza molto il gioco del Bologna Sarri, che ama il calcio propositivo. Ma soprattutto il tecnico bianconero alla vigilia del match con i rossoblu ha parlato di Mihajlovic. Sarri spera di ritrovarlo in panchina sabato sera, Sinisa ha diretto l'allenamento del giovedì e partirà con la squadra venerdì verso Torino:

Il Bologna è una delle squadre che mi è piaciuta di più in questa fase, è una delle squadre che recupera più palloni e tira più in porta. Sarà una squadra pericolosissima da affrontare, perché è di alto livello. Spero che Mihajlovic sia in panchina, lo rivedo molto volentieri.

Sono abituato allo scetticismo

La partita con l'Inter rappresenta già il passato per Sarri, che dice di non prestare molta attenzione alla classifica e che soprattutto ha parlato dello scetticismo che lo ha accompagnato da quando è arrivato alla Juventus:

Lo scetticismo nei miei confronti è una cosa con cui ci convivo da tanti anni, la classifica non mi interessa ma dobbiamo dare continuità alle prestazioni di buon livello. Contro l'Inter è stata una partita importante ma è il passato e ora dobbiamo concentrarci su una partita difficile, anche perché il rientro dalla sosta è sempre complicata.

I moduli della Juve

La Juventus ha due moduli e di volta in volta Sarri deciderà quale attuare. Il tecnico è stato molto chiaro, potrebbe alternare il 4-3-3, che ha adottato con il Napoli e il Chelsea, e il 4-3-1-2, utilizzato ai tempi di Empoli e in un paio di occasioni con i bianconeri in quest'avvio di stagione:

Douglas si sta allenando sempre a parte, mi arrivano notizie confortanti ma ancora non c'è nessun rientro in gruppo mentre sono tornati a disposizione Danilo e Ramsey. Di partita in partita, a seconda dei giocatori a disposizione, vedremo quale sistema utilizzare. Ma la squadra deve essere pronta a tutte e due le soluzioni. In questo momento stiamo utilizzando un modulo non semplice, soprattutto per la fase difensiva, ma lo stiamo facendo abbastanza bene anche se non in maniera perfetta.

Sarri parla anche di Demiral

Il tecnico bianconero ha parlato anche di Demiral, giocatore molto chiacchierato negli ultimi giorni per via di un suo tweet a supporto della guerra della Turchia contro i curdi in Siria e per il successivo saluto militare fatto al termine del match con la Francia:

Il ritorno da nazionali non è mai semplice, Demiral l'ho ritrovato normale dal punto di vista dei rapporti con i compagni e dall'atteggiamento da tenere. Il resto sono problemi della Federcalcio turca e dell'Uefa che ha aperto una indagine.