Rodrigo Bentancur è entrato in punta di piedi nel mondo Juventus ma sta conquistando pian piano la Vecchia Signora e i suoi tifosi. Il centrocampista uruguagio è stato il migliore in campo per la squadra di Massimiliano Allegri nella gara vinta contro la Fiorentina ed è stato applaudito a più riprese dal pubblico dell'Allianz Stadium per le sue giocate.

L'ex volante del Boca Juniors è arrivato in sordina nell'affare Tevez e dopo l'endorsment di Beppe Marotta negli ultimi giorni di mercato, si sta ritagliando il suo spazio. Bentancur è stato uno dei pochi a salvarsi nella disfatta di Barcellona e ieri sera ha confermato quanto di buono si diceva sul suo conto con giocate semplici, grande intelligenza tattica e gestione della gara nei momenti clou.

Bentancur: Giocare con questa maglia mette pressione.

Il giovane sudamericano sta confermando le aspettative mostrando senso della posizione e grande personalità e nell'intervista post gara a Sky Sport ha dichiarato: "La verità è che a giocare con questa maglia c'è sempre un po' di pressione, la si sente eccome. Io sto cercando di fare del mio meglio e quando mi tocca giocare do il massimo".

Bentancur: Devo apprendere tanto per arrivare al top.

L'ex Boca Juniors sa che deve lavorare perché il calcio italiano è molto diverso da quello argentino ma non si tira indietro: "Sto cercando di adattarmi il più velocemente possibile a questo tipo di gioco, ma la verità è che sono giovane e devo apprendere ancora tanto. Spero in poco tempo di riuscire ad arrivare al top".

Per la Juventus non è stata una serata facile ma ci ha pensato una rete di Mario Mandzukic ha portato i 3 punti e la vetta della classifica. Sula sfida contro i viola, Bentancur ha aggiunto: "Se abbiamo fatto fatica? Sì, un po' sì. Abbiamo fatto un buon primo tempo, con tanta intensità, nel secondo sembrava un po' più facile con l'uomo in più, invece non è stato così".