Minuto numero 28 del primo tempo, è allora che si verifica l'episodio contestato dalla Juventus e dai tifosi. I bianconeri chiedono un calcio di rigore per un tocco di mani di Masiello. Perché l'arbitro non ha concesso il calcio di rigore? Non c'è stato bisogno di ricorrere al Var, né al silent check: è stato lo stesso direttore di gara, Fabbri, a valutare non fallosa né volontaria la posizione del braccio ritenuta congrua con il movimento del corpo e non protesta verso la palla.

Il caso Benatia, la protesta dei tifosi in Rete

In Rete, però, i sostenitori bianconeri hanno sollevato obiezioni per il differente metro di giudizio rispetto alla gara di andata quando, in un'occasione del genere, venne fischiata la massima punizione contro la Juventus per un intervento ravvicinato di Benatia.

Il brutto fallo di Chiellini: ammonito, niente finale

Un'ammonizione pesantissima per la Juventus e per Giorgio Chiellini quella rimediata nella prima parte della semifinale di ritorno contro l'Atalanta. Il difensore bianconero paga per il duro intervento commesso su Caldara (piede a martello sulla caviglia), la squadra di Gasperini protesta in maniera veemente e chiede il cartellino rosso ma l'arbitro Fabbri si limita ad ammonire il centrale della ‘vecchia signora' e della Nazionale. Chiellini era diffidato: salterà l'eventuale finale dell'Olimpico. L'azione che lo ha visto protagonista ha richiamato un altro episodio simile accaduto nell'ultimo turno di campionato in occasione della gara tra Inter e Benevento a San Siro (vinta 2-0 dai nerazzurri). Graziato. Anche allora l'entrata scomposta di Gagliardini (gamba tesa, piede a martello ed entrata in tackle) non venne sanzionata dal direttore di gara nonostante la gravità dell'intervento e del rischio corso da Sandro.

Pjanic, cartellino giallo per simulazione

Verso la fine del primo tempo proteste della Juventus che chiude un calcio di rigore per presunto fallo commesso su Pjanic. In realtà ad avere la peggio secondo il metro di giudizio dell'arbitro è proprio il bosniaco che viene ammonito per simulazione: cade in area nerazzurra dopo un contatto con il difensore, l'arbitro Fabbri però non assegna correttamente il rigore e punisce il centrocampista bianconero.

Rigore per fallo su Matuidi di Mancini, il Var conferma

E' il 29° della ripresa, la Juventus va in pressione. Al palo colpito dal Ppau Gomez fa seguito la traversa centrata da Douglas Costa. La gara si sblocca poco dopo quando Matuidi cade in area dopo contatto con Mancini. Fabbri non ha dubbi e assegna il rigore, il Var conferma ritenendo la spinta del difensore atalantino decisiva per aver fatto perdere l'equilibrio al francese. Segna Pjanic, qualificazione in tasca.