Un incidente di percorso all’inizio del precampionato ci può stare, anche se perdere non fa mai piacere. L’Inter di Spalletti è caduta quasi subita, nel secondo test i nerazzurri sono stati battuti 2-0 dal Sion, che ha fatto festa con i gol di André Luis e Baltazar. Più della sconfitta Spalletti è preoccupato per l’infortunio muscolare occorso a Nainggolan, uscito a metà del primo tempo.

Spalletti inizia il match con questo undici: Padelli; Dalbert, de Vrij, Skiriniar, Asamoah; Gagliardini, Borja Valero; Politano, Nainggolan, Karamoah; Lautaro Martinez. In panchina capitan Icardi. L’Inter parte bene, è propositiva e ci prova con Dalbert, Politano e Nainggolan. A metà del primo tempo alza bandiera bianca proprio Radja Nainggolan, il belga accusa problemi muscolari e lascia il campo, al suo posto entra il giovane Emmers. Spalletti è ovviamente arrabbiato e preoccupato, perché non è mai bello subire un infortunio muscolare nella fase di preparazione. L’Inter si distrae, subisce il colpo mentalmente e al 27’ passa in svantaggio. Padelli esce a vuoto, Neitzke con un colpo di testa fa gol, 1-0. Mentre i nerazzurri cercano il pari, il Sion colpisce un palo. Il finale del primo tempo ha due protagonisti: Karamoh, brillantissimo, e Padelli, che con due interventi difficili si riscatta.

Nella ripresa entrano Candreva, Ranocchia e D’Ambrosio, che di testa va a un passo dal pari. Al 55’ c’è grande paura in casa Inter. Karamoh va giù, il problema al ginocchio sembra serio, fortunatamente non è così. Entrano anche capitan Icardi e Borja Valero, il pari non arriva nonostante le tante occasioni create. Giunge invece il 2-0 del Sion con Baltazar, autore di un gol bellissimo. Gli svizzeri vanno vicino pure al tris, questa volta Padelli viene graziato. L’Inter perde, per Spalletti il problema più serio è l’infortunio di Nainggolan.