Nel corso del primo tempo del Monday Night della 36a giornata tra Inter-Chievo una piccola fetta di tifosi nerazzurri ha intonato dei cori di discriminazione territoriale nei confronti della città di Napoli. Questa volta questi cori sono stati ascoltati pure dall'arbitro della partita, che ha minacciato la sospensione della partita.

Nella settimana di Napoli-Inter dalla curva interista sono partiti dei cori di stampo razzista verso la città partenopea. Adesso, considerati anche i precedenti, l'Inter rischia dei seri provvedimenti da parte del giudice sportivo, che leggerà di questi cori nel referto dell'arbitro. La partita è proseguita regolarmente e altri cori di quel tipo non si sono sentiti. Anche se le parole dello speaker che chiedeva di stoppare quei cori sono state accolte da bordate di fischi da parte del pubblico di casa.

Inter-Napoli e cori razzisti a Koulibaly

Domenica prossima al San Paolo c'è Napoli-Inter. La gara d'andata fa parte della storia di questa Serie A, non per la bellezza di quella sfida, giocata la sera di Santo Stefano, né per il gol di Lautaro in pieno recupero che decise la sfida. Ma Inter-Napoli dell'andata si ricorda per i cori razzisti e i buuuh rivolti al difensore del Napoli Koulibaly, che nel finale di partita esasperato da quei cori dopo un fallo su Politano protestò con l'arbitro che decise di espellerlo. Quei cori hanno fatto il giro del mondo, e tutto il mondo del calcio si strinse al fianco di KK, mentre il club nerazzurro ha avuto due turni di squalifica per il campo, nel match di Coppa Italia con il Benevento, in uno spicchio erano presenti solo dei ragazzini. E adesso in virtù proprio di questo precedente si può affermare senza sbagliare che l'Inter adesso rischia un'altra sanzione, il rischio di una squalifica della curve per l'ultima giornata è presente.