Si è appena finito di giocare il derby della Capitale che è già tempo di scendere in campo. Complice un calendario redatto ancor prima dell'eliminazione dalla qualificazione mondiale e costruito a marce forzate per permettere alla Nazionale di presentarsi in Russia nel migliore dei modi. Così, ecco il nuobo turno infrasettimanale che inizia domani sera con l'Inter che ospita a San Siro il Cagliari, dopo due trasferte amare a Torino (zero punti) e Bergamo (un pareggio).

Per Spalletti l'occasione giusta nel tentativo di rilanciare la sfida Champions a Roma e Lazio distanti solamente un punto. Contro il Cagliari non si dovrebbe cambiare assetto, forse gli interpreti con rientri importanti, visto che al di là degli ultimi risultati (due punti in tre gare) la sensazione è che la squadra stia costruendo qualcosa di buono.

In mediana Brozo e Gagliardini

Bell'immediato dopo partita di Bergamo, Luciano Spalletti ha fatto capire che il 3-4-2-1 può essere una strada da percorrere ancora senza intoppi. Contro il Cagliari ci saranno anche più uomini a disposizione visto che in mezzo al campo torna Marcelo Brozovic che farà coppia con Gagliardini.

Rafinha e Candreva in ballottaggio

Per i due posti alle spalle di Icardi i giochi sono aperti con Spalletti che ha solamente una garanzia indiscussa: certo il solo Perisic. L’altra maglia se la giocheranno Rafinha e Candreva, che rientra a disposizione. Ci potrebbe essere la classica staffetta che prevede l'impiego dell'esterno italiano dall'inizio e il subentro a partita in corso del trequartista brasiliano.

Vecino out, rientra col Chievo

Sulle fasce qualche ballottaggio dell'ultimo minuto: Spalletti potrebbe confermare Santon sulla corsia di sinistra o potrebbe proporre Dalbert. Sarà assente ancora Vecino, alle prese con la pubalgia che lo sta costringendo ad un lavoro differenziato che potrebbe riavvicinarlo al rientro per domenica, quando l’Inter farà visita al Chievo