Lionel Messi va squalificato. E il gol che ha segnato contro il Liverpool è viziato da una palese scorrettezza nei confronti di Fabinho. Il giorno la pesante sconfitta subita al Camp Nou il ricordo di quanto accaduto a Barcellona fa anche più male e mentre in Europa si celebra l'ennesima magia della Pulce, in Inghilterra schiumano rabbia e delusione per una qualificazione alla finale di Champions che è compromessa. Quante possibilità hanno i Reds di ribaltare risultato [3-0] e pronostici? Minime, quasi nulle… sempre che ad Anfield Road non arrivino privi del campione argentino.

C'è davvero la possibilità che il ‘dieci' sudamericano salti un incontro così importante? Dall'altra parte della Manica ci provano a sollevare il caso e, dal Merseyside, alimentano il tormento social nella speranza che il tam tam desti l'attenzione della Uefa e dei suoi organi disciplinari. Motivo della protesta? La presunta manata che il calciatore dei catalani avrebbe rifilato all'avversario nel tentativo di conquistare palla. Perché è da quell'episodio – la versione sostenuta a spada tratta dagli inglesi, giornali compresi – che sarebbe poi nata l'opportunità di realizzare la bellissima rete del 3-0.

Messi ha davvero sferrato una specie di pugno a Fabinho? Così sembrerebbe attraverso il video di un replay inedito, un trucchetto palesemente sleale non sanzionato dall'arbitro Bjorn Kuipers che ha invece concesso fallo contro il centrocampista del Liverpool. Insomma, per il direttore di gara era da punire l'ostruzione del calciatore dei Reds – per aver ostacolato in maniera poco ortodossa l'argentino mentre tentava lo scambio con Suarez – mentre nulla ha rilevato riguardo alla furbata di Messi. Una decisione che ha fatto infuriare i tifosi avversari per quella punizione ricevuta ingiustamente e in maniera del tutto gratuita. Un episodio che molto probabilmente la Uefa non prenderà in considerazione considerato che né l'arbitro né il Var sono intervenuti a segnalare scorrettezze.