Il napoli vince a Zurigo tremando solo nel finale per il veemente ritorno dei padroni di casa. una gara gestita bene dall'inizio alla fine malgrado il forfait di Mertens dell'ultimo minuto. Apre Insigne, alla prima da capitano in Europa League a segno, poi Callejon. nella ripresa ci pensa Zielinski a segnare il 3-0 ma il Napoli avrebbe potuto dilagare. Nei minuti finali lo Zurigo ha il classico sussulto d'orgoglio accorciando su rigore a 7 dal termine. Poi Meret salva la propria porta e Brechet nega il poker azzurro.

La prima senza capitan Hamsik

Per Carlo Ancelotti trasferta delicata in Svizzera complicata dai problemi di una vigilia che ha visto Dries Mertens accomodarsi in tribuna per un problema muscolare dell'ultima ora. Milik e Insigne tandem d'attacco, in un 4-4-2 oramai collaudato negli schemi azzurri. Un match dal contorno particolare, in una settimana in cui il Napoli ha salutato il suo capitano Hamsik, sostituito in mediana da Fabian Ruiz in linea con Allan. Gara giocata su ritmi blandi e interrotta al 6′ minuto dall'arbitro per lanci di oggetti sul campo dalle tribune. Nulla di grave, con il match che riprende regolarmente.

Brecher sbaglia, Insigne castiga

La partita si infila sui giusti binari al 12′ quando Lorenzo Insigne trova la via del gol, il primo da capitano in Europa con la maglia del Napoli. Un errore in disimpegno da parte del portiere dello Zurigo, Brecher, consegna palla a Milik che assiste il ‘Magnifico' tutto solo in area e con la porta sguarnita. Un regalo di San Valentino che il Napoli scarta immediatamente senza chiedere troppe spiegazioni. Con il vantaggio in tasca la gara resta ancor più in mano agli azzurri di Ancelotti.

Callejon raddoppia, Napoli sul velluto

Tutto diventa ancor più semplice a metà del primo tempo quando il Napoli infila il più facile dei raddoppi mettendo in difficoltà la difesa svizzera con le incursioni laterali e le verticalizzazioni al centro. A trovare la rete è stato Callejon, con un tapìn sul primo palo grazie ad un assist al bacio dalla destra di Malcuit che taglia in due la retroguardia dello Zurigo. Un doppio vantaggio meritato e supportato da statistiche che parlano napoletano in tutto, dal possesso palla (62%) ai tiri totali nei primi 25 minuti (5 a 2)

Napoli arrembante nel secondo tempo

Dopo aver chiuso il primo tempo con 2 reti e altrettante palle gol all'attivo, il Napoli riparte con lo stesso piglio nella ripresa, alla ricerca di un ulteriore vantaggio per mettere la parola ‘fine' alla partita e tornare a pensare al campionato. Callejon per due volte sfiora il raddoppio personale, poi ci prova anche Zielinski, con un Napoli convincente anche nel secondo tempo e uno Zurigo costretto a giocare solamente di rimessa ma con Meret che non corre mai seri pericoli.

Emozioni sul finale

Nel finale c'è il 3-0 di Zielnski che chiude definitivamente il match anche se il colpo di coda che supera Meret è servito su calcio di rigore. Kololli all'83' infila la porta azzurra per una gara che resta accesa fino al 90′, quando Meret prima salva la propria porta, poi imitato da Brechet che fissa il risultato sul 3-1 per il Napoli