Non è un buon momento per il Liverpool di Jurgen Klopp, sconfitto in campionato dal Manchester City di Guardiola che ha riaperto la corsa alla vetta della Premier League, ed eliminato malamente in FA Cup dal Wolverhampton. Eppure, per i reds d'Inghilterra c'è anche spazio per qualche sorriso, perché proprio nella gara che ha visto l'eliminazione del Liverpool dalla Coppa ha esordito Hoever, giovane difensore olandese, subentrato a Lovren.

Per il classe 2002 è stata una notte comunque irripetibile: è entrato nella storia del club come il più giovane esordiente in FA Cup di sempre superando il record che era di Ben Woodburn. Poi, però, il campo ha dato una cocente delusione ai tifosi reds, con l'eliminazione per 2-1 da parte dei Wolves.

Nuovo record assoluto

Hoever ha battuto il record di Ben Woodburn che, nel gennaio 2017, aveva fatto la sua prima presenza a 17 anni e 85 giorni mentre lui è sceso in campo 11 giorni prima del suo 17esimo compleanno, fatto che lo ha portato anche sul podio dei più giovani esordienti in tutte le competizioni nella storia del club.

L'avanzata dei millennials

Di certo non è stata una scelta pensata e studiata da Klopp ma è stato un record arrivato dal caso: Hoever è stato scelto per sostituire Lovren, che è finito ko dopo 6 minuti. Un esordio inaspettato condito da una prova sufficiente al centro della difesa, in un Liverpool comunque imbottito di riserve e di giovani giocatori ma con nomi del calibro di Milner, Shaqiri Fabinho e Keita.

Il risultato di questa sera non può certo soddisfarci ma sono felice e orgoglioso di aver fatto il mio debutto con la maglia del Liverpool

Contro il Wolverhampton nella stessa sera ci sono stati tre esordi di giovanissimi. Oltre a Hoever, sono scesi in campo per la prima volta anche un 2000 come Rafael Camacho e un 2001 come Curtis Jones. Tre ‘millennials'  che aprono la strada al Liverpool del futuro, nella speranza che l'eliminazione in FA Cup serva da lezione per crescere e migliorare più velocemente ancora.