Nonostante la partenza del suo attaccante migliore, Prandelli può sorridere perché il Genoa è vivo. La dimostrazione è arrivata nel posticipo della seconda giornata di ritorno di Serie A, dove il Grifone ha sbancato il Castellani di Empoli dopo una partita divertente e tutt'altro che scontata. La vittoria lontano da Marassi (che mancava dal settembre scorso) riporta dunque un po' di serenità in casa rossoblu e fa sorridere anche Preziosi per la prima gioia del nuovo acquisto Sanabria. L'Empoli ha giocato una buona gara, ma ha avuto la colpa di non aver concretizzato al meglio le diverse occasioni avute nel primo tempo.

Lo spettacolo del Castellani

Dopo l'abbuffata di gol del weekend, anche il "monday night" della 21esima giornata diverte e regala emozioni. L'Empoli ritrova Bennacer e Krunic, con Zajc che fa coppia con Caputo in attacco. Il Genoa presenta Romulo e gioca con 10/11 della squadra che ha perso con il Milan. In panchina con Prandelli tutti i nuovi acquisti: compreso Sanabria. Le due squadre giocano senza timori e ne guadagna subito lo spettacolo che comincia al 15esimo con il palo di Zajc.

Tre minuti più tardi è però il Genoa ad andare in vantaggio con la rete di Kouamè, che mette una pietra sopra sul passato rossoblu di Piatek (in gol all'andata) e sigla l'1 a 0 dopo un errore di Veseli. La sfida del Castellani si accende e diventa un concentrato di occasioni. Il Grifone ne costruisce un paio con Lazovic e Romulo, i padroni di casa vanno invece vicini al bersaglio grosso con Krunic e Caputo. I protagonisti diventano così i due portieri Provedel e Radu: entrambi decisivi prima del rientro negli spogliatoi per l'intervallo.

https://www.youtube.com/watch?v=Ohb55Hcd3v8&feature=youtu.be

La prima gioia di Sanabria

Dopo una buona occasione in apertura per Caputo, Iachini decide di aumentare il peso dell'attacco con l'ingresso di Michelidze al posto di Krunic. L'ingresso del georgiano precede l'occasione di Biraschi (tiro fuori di poco) e soprattutto il tap-in vincente di Di Lorenzo: al suo secondo gol consecutivo in Serie A, dopo quello di Cagliari. Prandelli risponde alla mossa del collega con il debutto di Sanabria: in campo per Romulo.

La scelta del tecnico di Orzinuovi paga subito. Il Genoa passa in vantaggio con Lazovic, e poi lo stesso esterno serbo serve a Sanabria il pallone del suo primo gol rossoblu e del 3 a 1 che piega le gambe all'Empoli e dà il via alla contestazione dei tifosi di casa: infastiditi dal gioco della squadra di Iachini e dal risultato finale che condanna la formazione toscana alla quinta sconfitta nelle ultime sei gare.