24 Marzo 2011
19:11

Il bomber del Padova Matteo Ardemagni si racconta a THE BBEST: spero di poter far bene

Il protagonista della rubrica THE BBEST di questa settimana è Matteo Ardemagni del Padova, l’autore della doppietta che ha regalato ai suoi la vittoria contro il Pescara.
A cura di Jacopo Giove
matteo ardemagni padova

Una doppietta che ha permesso al Padova di espugnare il campo del Pescara e trovare così il primo successo esterno. La firma è di quelle d'autore: Matteo Ardemagni. L'attaccante è tornato a fare gol, segnando al ventesimo della ripresa sfruttando un assist del compagno di reparto De Paula e bruciando Pinna (col pallone che varca la linea prima di essere spazzato da un difensore) e nei minuti di recupero, colpendo in contropiede tutto solo in area di rigore. Una prestazione da vero bomber che gli è valso il titolo di miglior giocatore della 32a giornata di Serie B ed è quindi il protagonista della nostra rubrica settimanale THE BBEST. Comprensibilmente soddisfatto di essere tornato al gol, Ardemagni ci ha raccontato degli obbiettivi per l'ultimo scorcio di stagione e, come Alemao del Varese settimana scorsa, ci ha svelato alcuni dei suoi sogni.

Matteo, sei tornato al gol. Sabato sarà anche il tuo compleanno ed affrontate l'Atalanta, che è la tua ex-squadra. Per te una partita dal significato particolare: speri di festeggiare con un gol?

"Spero di potermi ripetere ma non è importante che segni io, qello che conta è che vinca la squadra. Per me è sicuramente una partita importante visto che sono ancora dell'Atalanta, ma anche se con loro non ho fatto proprio benissimo in questi sei mesi ho comunque un ottimo rapporto con il presidente e con tutta la società".

Parlando proprio della tua avventura in nerazzurro che è cominciata bene col gol in Coppa Italia ma è finita a gennaio, pensi che l'infortunio ti abbia condizionato?

ardemagni del Padova

"Alla fine sicuramente si, nell'ultimo mese e mezzo mi ha penalizzato e non ho pututo esprimere tutto il mio valore in campo. C'è stata qualche difficoltà e quindi forse era meglio cambiare aria per un po', quindi è stato positivo il prestito al Padova".

Adesso sei in biancorosso e con la vittoria a Pescara siete a meno cinque dalla zona playoff. Dove può arrivare il Padova con un Ardemagni in più?

"Noi pensiamo prima a salvarci. L'ultima volta che abbiamo fatto calcoli ci siamo ritrovati nelle zone basse quindi pensiamo solo a fare più punti possibile. Io cercherò di contribuire con i miei gol nelle ultime dieci giornate di campionato".

Sembra che questo campionato abbia trovato le due squadre-padrone: Atalanta e Siena. In molti le vedono già in Serie A: tu sei d'accordo?

"Si. Credo che i valori siano questi. Sono le due squadre più forti e credo andranno in Serie A. Anche il Novara ha fatto molto bene, poi ha avuto un calo come era prevedibile ma se la potrà giocare".

Considerando appunto che sei ancora dell'Atalanta e che probabilmente vinceranno il campionato, speri di poter giocare nel massimo campionato con loro?

"Sarebbe bellissimo. Dipenderà da cosa decideranno loro però. È chiaro che spero di poter giocare in Serie A, ma nel calciomercato non si può mai sapere".

Sei cresciuto nel vivaio del Milan: che ricordo hai del periodo a Milanello e dell'esordio in Coppa Italia contro il Brescia?

ardemagni in azione

"Un ricordo bellissimo. Sono stato due anni con la primavera ed eri a contatto con i campioni della prima squadra. Con loro feci anche la tournèe in America e fu una esperienza davvero splendida. È un settore giovanile ottimo quello del Milan".

Ventidue gol l'anno scorso, con Iunco hai formato una coppia-gol eccezionale. Credi sia stato lui il miglior partner d'attacco che hai avuto fino ad adesso?

"Penso di si, soprattutto perchè entrambi abbiamo fatto grandissime cose. Anche lui segnò molto, dodici gol, quindi vuol dire che assieme eravamo un ottimo attacco".

Tanti gol nel Cittadella, ma a quale segnatura sei particolarmente legato?

"Il gol che ho segnato al Lecce, quando vincemmo per cinque a uno in trasferta. Un grandissimo tiro da fuori area".

Per concludere, hai un messaggio per i lettori di Calcio Fanpage che ti hanno eletto come il migliore della scorsa giornata?

"Ringrazio tutti, spero di poter continuare così, magari riuscendo a segnare già nella partita di sabato sera".

Gli USA sono la nazionale del futuro costruita per i Mondiali 2026 (e per far bene già adesso)
Gli USA sono la nazionale del futuro costruita per i Mondiali 2026 (e per far bene già adesso)
Cosa è successo nel finale di Salernitana-Cremonese nei cinque minuti folli di Ciofani
Cosa è successo nel finale di Salernitana-Cremonese nei cinque minuti folli di Ciofani
Abraham chiede scusa alla Roma e svela i tormenti dell'ultimo periodo:
Abraham chiede scusa alla Roma e svela i tormenti dell'ultimo periodo: "Fai fatica a dormire"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni