Il Benevento vince ancora, batte anche la Sampdoria e con maggiore fiducia può continuare a sognare la salvezza, che numericamente parlando è ancora lontana ma che lentamente non è più un miraggio. De Zerbi è riuscito a riorganizzare la squadra giallorossa, ha trovato un bomber e ha vinto contro la sesta della classifica. La quartultima adesso è a otto punti, tanti ma non troppi.

Benevento-Sampdoria 3-2

Dopo il successo con il Chievo, i giallorossi erano chiamati alla classica prova del nove, perché non è facile ripetersi dopo un grande risultato. La Sampdoria, che dall’inizio della stagione è in zona Europa League, soffre, ma trova il vantaggio allo scadere del primo tempo con Caprari, ancora in coppia con Quagliarella. Nella ripresa il Benevento ci crede sempre più e trova il pari con un gran gol di Coda, che con il fisico si aiuta nella sterzata e con un tiro potente e preciso supera Viviano. Il finale è incredibile.

Calcio d’angolo per la Sampdoria, il Benevento recupera il pallone e riparte in contropiede. D’Alessandro è autore di un coast to coast spettacolare, Sala lo abbatte. Rosso per il difensore blucerchiato e punizione dal limite per il Benevento, Coda è impeccabile, 2-1. Segna pure il giovane Brignola, nel finale l’inutile marcatura di Kownachi. Finisce 3-2 per i giallorossi, che ottengono il secondo successo consecutivo.

Otto punti dalla salvezza

Il Benevento sale così a quota sette punti, conquistati tutti in casa. La china va risalita, ma l’avvicinamento alla quartultima posizione continua. Crotone, Spal e Verona hanno perso tutte e tre per la seconda volta consecutiva. I punti tra il Benevento e le altre tre squadre invischiate nella lotta salvezza sono sempre meno. I campani ora di punti ne hanno 7, il Verona è fermo a 13. Mentre Spal e Crotone ne hanno 15. Insomma c’è tanto da fare, ma le ultime settimane hanno confermato che il Benevento ci crede e le sue chance se le giocherà.