Sembra quasi una barzelletta ma è la pura realtà di un mercato che oramai non accetta lezioni da nessuno. laddove tutto è concesso, tutto è possibile: anche l'ingaggio del figlio del procuratore di un giocatore appena acquistato a suon di milioni (ben 75 per il talento di de Jong). Il Barcellona ha così definito – e ufficializzato – l'arrivo in blaugrana di Mike Van Beijnen, terzino destro arrivato dalla seconda squadra del Nac Breda.

Ma al di là delle qualità del giovane Mike, ciò che ha destato più di una perplessità  – e relativo scalpore – è il fatto che il ragazzo non è altro che il figlio di Ali Dursun, il procuratore di Frenkie de Jong. E per il giovane Van Beijnen la società catalana ha inserito anche una clausola da 100 milioni di euro.

Un acquisto ‘dovuto'

Il futuro di Van Beijnen è dunque roseo e promettente, se non sul campo almeno per ciò che riguarda il suo curriculum da calciatore. Arrivare al Barcellona, il sogno proibito un po' da tutti i talenti in erba, è diventato realtà. Non per doti particolari ma per le capacità manageriali di papà, agente di de Jong, trattato dal Barça e arrivato in Catalogna alla non modica cifra di 75 milioni di euro.

Vecchi compagni di squadra

Van Beijnen e de Jong si conoscono da anni e si ritroveranno in azulgrana anche se il primo molto difficilmente metterà piede in prima squadra. Mike ha condiviso lo spogliatoio con De Jong ai tempi del Willem II, quando entrambi erano nel settore giovanile del club olandese: Ali Dursun scoprì il talento di Frenkie proprio dalle tribune del Willem II, quando accompagnava suo figlio al campo.

La carriera di Van Beijnen

Fino ad oggi la carriera di Mike è stata pressocchè incolore. Van Beijnen era arrivato al Nac Breda appena 12 mesi fa, club con il quale aveva firmato un contratto annuale ma, terminata la stagione, la società olandese aveva deciso di non confermare il giocatore che si è quindi ritrovato senza squadra. Per poco, perché papà Ali ha pensato a tutto.