I difensori goleador (qui i migliori nella storia della serie A) sono merce rara e spesso molto costosa, ma bisogna essere in grado di scovare le pepite tra le pietre prestando attenzione a pagarli il giusto per aggiudicarseli al fantacalcio. Per questo oggi vogliamo provare a metterne in fila alcuni che, con diversi livelli di prezzo, possono fare al caso della vostra asta.

Si va dai leader del reparto che sarà impossibile non pagare tanto, ad altri elementi che hanno confezionato quasi allo stesso modo un ottimo campionato in termini di rendimento e gol, senza però risultare particolarmente reclamizzati. Tra quelli che non rientrano nella nostra short list, però, segnaliamo in anticipo altri nomi che lo scorso anno si sono andati un po' al di sotto delle aspettative. Su tutti l'interista De Vrij che, nell'ultima stagione alla Lazio, aveva raggiunto quota sei gol, oltre ad altri specialisti: lo juventino Chiellini, il fiorentino Pezzella e il neo-napoletano Manolas.

  1. Kolarov (Roma): la prima piazza è di diritto la sua. Rigorista, specialista di tutte le tipologie di calci piazzati, regista offensivo. Cosa si può chiedere di più? L'unica incognita riguarda l'età, essendo prossimo alle 34 "primavere" ma, da professionista qual è, saprà gestirsi al meglio anche in questa stagione. Ha chiuso l'ultimo campionato con 8 reti.
  2. Mancini (Roma): come il neo-compagno di squadra Fazio ha chiuso la scorsa stagione con cinque gol, senza l'ausilio di calci piazzati. Specialista delle mischie in area di rigore, si è già presentato al meglio ai nuovi tifosi andando a segno in un paio di test veri di questo pre-campionato. Fonseca lavorerà a fondo sui calci piazzati per sfruttare le sue qualità.
  3. Hateboer (Atalanta): il gioco sugli esterni è uno dei segreti del successo delle squadre di Gasperini. Il tecnico li vuole alti per accompagnare l'azione, pronti a sovrapporsi per andare al cross ed eventualmente rifinire dalla corsia opposta. L'olandese lo scorso anno ha chiuso a quota cinque, ma anche i suoi compagni di reparto non sono stati da meno: Castagne ne ha realizzati 4, Gosens 3. Insomma a Bergamo si pesca in ogni caso bene.
  4. Izzo (Torino): alla prima stagione in granata, il difensore napoletano ha lasciato il segno, non solo in termini di rendimento, ma anche di gol. Quattro in tutto, spesso decisivi, che hanno contribuito a portare il suo rendimento tra i top del reparto. A conferma che non si è trattato di un caso sporadico, il primo gol già realizzato in Europa League. E anche il compagno di reparto Nkoulou di gol ne ha realizzati due nel precedente campionato.
  5. Bruno Alves (Parma) e Ferrari (Sassuolo): guardando ai giocatori delle formazioni in lotta per non retrocedere, val la pena segnalare il portoghese del Parma che l'anno scorso ha dato mostra della sua grande abilità sui calci piazzati siglando quattro gol e il centrale di De Zerbi bravissimo sugli sviluppi di calci piazzati e abile a realizzare altrettanti centri.