Il Siviglia è avvisato: la Juventus e il Pipita ci sono. A pochi giorni dalla sfida di Champions League, la squadra di Allegri ha dimostrato di godere di ottima salute e ha demolito un Sassuolo sceso in campo rimaneggiato allo Stadium. Senza Berardi, Defrel e Cannavaro, la squadra di Di Francesco ha subito la serata magica di Higuain: in gol per due volte nei primi dieci minuti della partita. Non c'era modo migliore di festeggiare il quinto anniversario dell'inaugurazione dello Stadium. I bianconeri sono apparsi straripanti per larghi tratti della gara e pronti al debutto europeo. In casa neroverde, Di Francesco dovrà cercare di rimettere insieme i cocci prima della partita di Europa League contro l'Athletic Bilbao: altra squadra tosta per questo Sassuolo.

Il Pipita all'improvviso

La sfida dello Stadium ha regalato subito grandi emozioni ai tifosi presenti sugli spalti. Dopo la prima palla gol del match (di marca neroverde, con Buffon che ha disinnescato un tentativo di Politano), la Juventus ha trovato subito il gol con una ripartenza micidiale cominciata da Pjanic, rifinita da Dybala e conclusa in rete dal diagonale di Higuain: dall'inizio per la prima volta e in gol al secondo pallone toccato. Non pago dell'inizio folgorante, l'argentino si è ripetuto sei minuti più tardi quando, su un assist di Khedira, ha fulminato nuovamente Consigli con una girata spettacolare.

Con il Sassuolo alle corde e in attesa del gong, Bonucci è andato vicino alla testata da ko al 15esimo. Un campanello d'allarme per la difesa di Di Francesco che è caduta ancora al 27esimo dopo il tap-in facile di Pjanic, arrivato in seguito al colpo di testa dello stesso bosniaco finito sulla traversa. Con la pancia piena dopo mezz'ora di gioco, la vecchia signora si è concessa una breve sosta al bar: decisione pagata cara dalla banda Allegri, che ha incassato il gol neroverde al 33esimo grazie ad una deviazione fortunata di Antei.

La scheda della gara di Higuain (fonte fourfourtwo)
in foto: La scheda della gara di Higuain (fonte fourfourtwo)

Consigli evita la goleada

Lo straripante show del primo tempo, non ha fermato i campioni d'Italia: insidiosi ad inizio ripresa con Khedira, sul cui tiro si è superato Consigli. Al 56esimo il portiere neroverde si è ripetuto su Pjanic, prima di tremare su una splendida giocata di Dybala (palla sull'esterno della rete) e sul colpo di testa da zero metri di Chiellini terminato di poco sul fondo. Al 73esimo, dopo l'uscita dal campo di Higuain e Khedira (risparmiati per la Champions), situazione sospetta in area di rigore bianconera dopo un presunto tocco con un braccio di Chiellini non visto dall'arbitro Di Bello. Nel finale occasione per Mandzukic (altra deviazione decisiva di Consigli) e per l'attaccante neroverde Politano che, a tre minuti dal termine, si è visto negare il 3-2 da Lichesteiner: bravo a respingere il tiro sulla linea di porta.

Grazie a questa vittoria, la Juventus rimane a punteggio pieno in campionato e conferma la statistica che la vede sempre vincente, a Torino, contro il Sassuolo. Una prova di forza che mette di buon umore Allegri in vista della Champions League e dell'esordio con il Siviglia. Il Sassuolo torna invece a casa sconfitto e umiliato. A Torino una sconfitta del genere ci può stare. La cosa importante, per i ragazzi di Di Francesco, è ora quella di dimenticare al più presto la sfida di Torino, ricompattare lo spogliatoio e soprattutto prepararsi al meglio per l'esordio assoluto in Europa League.