Fabio Grosso esonerato. L'Hellas Verona ha comunicato il licenziamento del tecnico poco dopo a sconfitta odierna contro il Livorno. Ennesimo intoppo in quella corsa verso i playoff promozione che sono a un passo ma non del tutto al sicuro. Deluso dal rendimento e dal risultato, il presidente degli scaligeri, Maurizio Setti, ha così deciso di prendere la decisione più drastica nonostante la stagione sia agli sgoccioli. Aveva pensato di farlo già dopo il tonfo contro il Benevento ma concesse al tecnico un'altra opportunità fino al match col Pescara. Lo stop odierno ha causato il ribaltone.

  • Chi sarà il prossimo allenatore? Pronto Aglietti. Lo si capirà dopo le attente riflessioni del numero uno veneto. Il nome più caldo in un primo momento sembrava quello di Zeman, ma alla fine a spuntarla sarà Aglietti che ha vestito la casacca della formazione gialloblù in passato ed era fermo dal 2018 dopo l'esonero dall'Entella.

Sapete come la penso – ha ammesso il massimo dirigente nell'intervista a ‘TeleArena' – oggi però è stata una partita molto deludente, che mi ha messo dell'ansia. Il nostro obiettivo è quello di andare in Serie A e quindi, anche se a malincuore, ho sollevato il mister. Questa scelta mette i giocatori di fronte alle loro responsabilità. Mi ha dato fastidio non vedere espresso il potenziale della squadra, e non poter gioire di quello che potrebbe dare mi ha fatto riflettere. Questa era l'unica scelta da fare per provare a giocarci le nostre carte fino in fondo, le chance le abbiamo ancora. Adesso mi prendo del tempo per capire il da farsi, così non va bene. Nelle prossime ore vedremo come agire.

La partita persa al Bentegodi contro il Livorno. A condannare Fabio Grosso, già in discussione da qualche settimana, è stato il ko subito in casa contro gli amaranto toscani. Pesantissimo il 2-3 finale che rischia di compromettere la posizione di classifica dell'Hellas costretta a fare i salti mortali per non mancare il traguardo prefissato a inizio stagione: lottare per la promozione in Serie A, anche passando attraverso la lotteria degli spareggi.

  • La sequenza delle reti mostra come la gara sia stata tutta in salita per il Verona: Giannetti al 25′ e Raicevic al 42′ portano il Livorno al doppio vantaggio. Ci pensa il polacco Dawidowicz al 47′ ad accorciare le distanze e a riaprire i giochi. Nella ripresa, però, arriva il 3-1 di Murilo al 6′. Laribi al 71′ concede l'ennesima chance di rimonta ma all'Hellas non riuscirà nemmeno di agganciare il pareggio.