Nicolò Barella, al netto di qualche cartellino giallo di troppo (è già in doppia cifra), è senza dubbio uno dei calciatori che più è migliorato in Serie A. Il suo nome è già sul taccuino di molti dirigenti di mercato. Si parla da tempo di un forte interesse della Roma e dell’Inter, che pensano di rafforzarsi la prossima estate con questo ventenne nato e cresciuto nel Cagliari. Il presidente rossoblu Giulini ha fissato il prezzo di Barella.

Roma o Inter nel futuro di Barella

In un’intervista rilasciata a ‘La Gazzetta dello Sport’ il presidente del Cagliari ha elogiato il centrocampista, che potrebbe ripercorrere le orme di Nainggolan, a cui spesso è stato accostato. Giulini ha confermato l’interesse di un grande squadra nei confronti di Barella, che varrebbe 50 milioni di euro:

Noi del Cagliari, così come gli allenatori della squadre di Serie A che sono interessate al giocatore, siamo convinti che Barella possa giocare da play. E c’è una squadra che lo vuole, una big, che la pensa così. Per noi Barella è un centrocampista moderno, totale e i centrocampisti totali alla Nainggolan, come quelli che valgono 30-40-50 milioni e possono giocare in ogni ruolo. Noi dobbiamo creare giocatori. Barella sta crescendo ma il suo percorso ancora non si è completato.

Chi è Nicolò Barella

Barella è nato nel maggio del 1997, ha vent’anni ed ha fatto tutta la trafila nel Cagliari, con cui ha iniziato a giocare quando aveva nove anni. A 17 anni nella stagione 2014-2015 esordisce in Serie A, poi vive una stagione in prestito a Como. Il Cagliari lo riprende, lo fa giocare con il misurino nell’anno del ritorno in Serie A, da quest’anno è titolare, ha segnato anche tre reti. Di Biagio pochi mesi fa lo ha convocato con l’Under 21.

Han e Joao Pedro

Barella è un prodotto del vivaio ed è il fiore all’occhiello del Cagliari, che però ha altri giocatori che sono destinati a crescere: Han e Joao Pedro, elogiati dal numero uno del club:

Han è forte, sono contento che abbia giocato contro il Napoli, è un giocatore forte e vogliamo vederlo crescere tanto. Anche Joao Pedro è un giocatore importantissimo per noi, può giocare dietro Pavoletti come faceva Hamsik con Cavani”.