Il Nantes potrebbe avere, dopo un anno e mezzo, nuovamente un allenatore italiano. Il club del Nord della Francia si è separato da Vahid Halilodzic e a meno di una settimana dall’inizio della Ligue 1 si trova senza la guida tecnica. I dirigenti del Nantes vanno di fretta e hanno proposto la panchina a Gennaro Gattuso, che ha preso tempo. L’ex Milan vuole riflettere sull’offerta, l’alternativa è rappresentata da Walter Zenga.

Il Nantes offre la panchina a Gennaro Gattuso

Dopo l’amichevole con il Genoa il club giallo-verde e il tecnico Halilodzic si sono separati, rescissione consensuale. Il Nantes non ha perso tempo e ha ripreso a guardare all’Italia. E molto probabilmente dopo Claudio Ranieri, che guidò magistralmente il Nantes due anni fa, i bretoni avranno un allenatore italiano. La panchina è stata proposta a Gennaro Gattuso, che al termine dello scorso campionato ha deciso di lasciare il Milan. Le offerte non sono mancate all’ex centrocampista, in particolare dalla Cina. Gattuso vuole rimanere in Europa e la proposta del Nantes lo alletta. Il classe 1978 ha già allenato all’estero, lo ha fatto in Grecia.

L’alternativa a Gattuso è Walter Zenga

L’ex tecnico rossonero ha preso tempo, ha chiesto 48 ore di tempo. Vuole riflettere, con il suo staff e forse anche con la sua famiglia. Nella giornata di lunedì potrebbe arrivare la risposta di Gattuso. Il Nantes ha un piano alternativo ed è rappresentato da un altro italiano e cioè Walter Zenga, ex grandissimo portiere dell’Inter e della Nazionale, che ha allenato letteralmente in ogni angolo del mondo e che piace per la sua grande esperienza. Per Zenga sarebbe un ritorno in grande stile dopo le poco felici esperienze di Venezia e Crotone, ci fu una grande rimonta ma non la salvezza. L’ex numero uno ha allenato in Romania, Serbia, Turchia, negli Emirati e il Wolverhampton.