nasri del city esulta

Samir Nasri dice addio alla Nazionale. Il giocatore del Manchester City, da sempre in rotta con il commissario tecnico francese Didier Deschamps, ha dato l'addio alla Francia attraverso un'intervista rilasciata al quotidiano britannico The Guardian. "Ho preso questa decisione, perché finché Deschamps sarà al suo posto, io non avrò la mia chance", ha spiegato il giocatore, "penso che questa sia la scelta migliore per il gruppo. La colpa non è soltanto sua: è la stampa che racconta certe cose di me, e certi giocatori che dicono di avere problemi con me lo dicono sui giornali ma non riescono a dirmelo in faccia", ha aggiunto polemico Nasri. Un riferimento neppure troppo velato verso il capitano Lloris e Koscielny, i quali, in un incontro riservato, avrebbero chiesto a Deschamps a nome del gruppo l'esclusione del centrocampista del City dai 23 per il Mondiale, perché ritenuto troppo individualista.

Insomma, capitolo chiuso per Nasri, che poi chiude definitivamente la porta ad un suo ritorno: "La Nazionale francese non mi rende felice, e dunque non voglio più andarci". Sicuramente ha pesato, nella decisione del 27enne in forza al Manchester City, la mancata convocazione per il Mondiale brasiliano, che aveva scatenato anche diverse polemiche in patria. In particolare, si scatenò al momento della notizia la fidanzata del calciatore, Anara Atanes: alla notizia che Nasri non sarebbe andato al Mondiale in Brasile, vista l'esclusione dalla lista dei 23 diramata da Didier Deschamps, non perse occasione per twittare: "Francia e Deschamps, vaffa… ! Che commissario tecnico di m…". Un tweet che portò alla querela dello stesso Deschamps, e della Federazione francese stessa. Ma a quanto pare, la frattura tra Nasri e la Nazionale non è destinata a sanarsi a breve. Ed il fatto che il prossimo Europeo, che si giocherà in Francia, vedrà in panchina ancora Didier Deschamps, di fatto, escluse il 27enne del City da ogni ulteriore ripensamento.