Oramai è arrivato, il giorno del Superclasico che sta facendo impazzire il Sud America per la straordinaria e già epocale sfida tra River Plate e Boca Juniors. Dopo le scintille e i gol dell'andata adesso è il momento del verdetto finale: gli ultimi 90 minuti di fuoco, sempre che non siano necessari i tempi supplementari e poi i rigori.

A poco meno di due ore dal fischio d'inizio però, si sono registrati i primi episodi che con il calcio giocato e con lo sport poco hanno a che vedere. Non è tutto sotto controllo da parte dell'ingente schieramento delle forze dell'ordine perché qualcosa di grave è comunque accaduto: prima la sassaiola al pullman del Boca, poi alcuni giocatori colpiti da gas al peperoncino.

I due episodi si sono consumati in queste ore e sono diventati subito virali sui vari social attraverso fotografie e video che riprendono i concitati momenti pre partita. Una tensione altissima per una partita che nessuna delle due tifoserie è disposta a perdere né in campo né nel confronto a distanza sugli spalti e non solo.

Sassi, cariche, spray al peperoncino

I tifosi del River hanno preso d'assalto il pullman del Boca aspettandolo a ridosso dello stadio colpendolo con lancio di sassi e bengala. Il lancio di oggetti ha provocato la rottura di alcuni finestrini ed è stato l'autista oltre che un membro dello staff xeneize. E' stato reso necessario l'intervento dell'ambulanza in mezzo al caos generale, alimentato anche dagli scontri tra la polizia e alcuni tifosi del River senza biglietto che hanno forzato l'ingresso della Tribuna Centenario.

A rischio l'inizio del match: si pensa a un rinvio

Dalla prime ricostruzioni sembra che i giocatori del Boca Juniors siano stati raggiunti anche da spray al peperoncino che ha procurato diversi problemi ad alcuni calciatori come Carlitos Tevez subito assistiti. Nella confusione sempre crescente adesso si pensa anche di posticipare l'inizio del match per poter riportare la calma fuori dal Monumental e quindi riportare l'ordine pubblico.