Post partita incandescente a Ferrara. La Spal è stata sconfitta in rimonta dalla Fiorentina con il risultato di 4-1. A far discutere e non poco è il caso Var con il passaggio dal 2-1 in favore dei padroni di casa, al 2-1 per gli ospiti. Una situazione che ha fatto infuriare la dirigenza estense che ha puntato il dito anche contro Chiesa, accusato con parole pesanti di essere un cascatore, "persona poco seria, capace di inventare falli da rigore

Cosa è successo in Spal-Fiorentina. Il caso Var del rigore di Chiesa

Sul punteggio di 1-1 Mattia Valoti ha riportato avanti la Spal nel lunch match domenicale della 24a di Serie A. Esultanza con il fratellino e tifosi di casa in visibilio, ma ecco il colpo di scena. Il direttore di gara ricorre al Var per visualizzare non l'azione da rete degli estensi, ma quanto accaduto prima, ovvero un contatto tra Felipe e Chiesa nell’area di rigore della viola. Dopo aver rivisto tutto l’arbitro annulla il gol della Spal e decreta un rigore per la Fiorentina, si passa dal 2-1 all’1-2, perché Veretout il rigore lo trasforma.

Federico Chiesa persona poco seria che s'inventa i rigori, l'attacco del presidente della Spal

Il presidente della Spal Mattioli nel post partita si è dimostrato incontenibile e ha speso parole durissime nei confronti di Federico Chiesa, accusato di essere un cascatore: "Queste cose sono inaccettabili: va bene il Var, ma usato a questa maniera è una roba incredibile. Il nostro club non può essere trattato così. Non è da noi protestare, ma dopo questi episodi ti senti che ti abbiano rubato sotto gli occhi. La sconfitta di oggi è immeritata. L'episodio l'ho guardato attentamente, se devi fermare un azione da gol per un fallo del genere mi viene da ridere. Chiesa ha la dote di inventare falli di rigore, è una persona poco seria. Non era un fallo netto. I viola ci hanno messo in difficoltà fin da subito, ma oggi non meritavamo questo trattamento". Mattioli pur non citandolo ha fatto riferimento al precedente della sfida tra Atalanta e Fiorentina, con la presunta simulazione di Chiesa che fece molto discutere.

Antognoni risponde al presidente della Spal e difende Chiesa

Non si è fatta attendere la risposta dell'ex bandiera e attuale dirigente della Fiorentina Giancarlo Antognoni che ha difeso a spada tratta Chiesa: "Non accettiamo critiche nei confronti di un ragazzo di 22 anni che è quasi imprendibile, come si è visto oggi. E' stata la dinamica del var a determinare l'episodio, ma dobbiamo capirlo e accettarlo. Federico non è un tuffatore. Le parole del presidente della Spal sono molto gravi, perché poi ci si crea una etichetta e non è così".