Ancora ubriaca di gioia per il colpaccio di Torino e reduce da due vittorie consecutive in Europa League, La Lazio di Simone Inzaghi ha passato l'esame anche in Costa Azzurra mettendo una seria ipoteca sul passaggio del turno.  Nel terzo match del gruppo K, i biancocelesti hanno vinto in rimonta 3-1, davanti ad un buon Nizza. Nonostante la convincente serata di Balotelli, supportato da un positivo Sneijder, i capitolini sono infatti riusciti a recuperare subito dopo la rete di Super Mario e a ribaltare il risultato nella ripresa grazie alla doppietta di  Milinkovic-Savic.

Tutto in un minuto.

All'Allianz Riviera, contro Sneijder e Balotelli, Simone Inzaghi si affida al turnover e lancia dal primo minuto Caicedo e Nani. Solo panchina per Ciro Immobile. Partita ad alta tensione nei primi minuti. Il vantaggio dei padroni di casa arriva subito. L'olandese sguscia via sulla sinistra e mette nel mezzo per lo stacco di testa vincente di Balotelli che batte Strakosha. Neanche il tempo di commentare la rete di "Super Mario", che la Lazio pareggia con Caicedo: bravo a sfruttare l'indecisione di Dante e a beffare Cardinale.

Conclusi i fuochi d'artificio iniziali, le due squadre rallentano e si guardano a vista. Biancocelesti propositivi con due conclusioni sballate di Di Gennaro e Patric e pericolosi soprattutto con la traversa di Radu al 36esimo, dopo una parata di Cardinale su Nani. La risposta francese è al 42esimo: punizione di Sneijder e capocciata di Dante, salvata sulla linea da Luiz Felipe.

Milinkovic-Savic e la doppietta decisiva.

Immobile rimane in panca anche ad inizio ripresa, giusto il tempo per vedere due buone occasioni per Balotelli: prima con il destro al 48esimo e poi con il mancino qualche minuto più tardi. Due conclusioni fuori misura che, insieme ad un destro centrale del compagno "orange" suonano come un campanello d'allarme per il tecnico romano. All'ora di gioco "Inzaghino" corre ai ripari e cambia uno spento Nani e Di Gennaro con Immobile e Luis Alberto. L'ingresso dei due titolari ha il merito di svegliare dal sonno Milinkovic-Savic.

Non pervenuto fino al 65esimo, il talentuoso serbo sfrutta al meglio il cross di Caicedo e di piatto porta avanti i biancocelesti. Dopo un tiro innocuo di Immobile e i due ingressi di Plea nei rossoneri e di Lucas Leiva nella Lazio, il Nizza ha dato il via all'assedio finale. Prima Balotelli (destro di poco alto), poi Walter e infine Plea hanno impegnato un attento Strakosha. A chiudere i giochi, a soli sessanta secondi dal triplice fischio finale, arriva il secondo gol di Milinkovic-Savic: colpo di testa vincente, che fa scendere i titoli di coda all'Allianz Riviera e regala alla Lazio un'altra vittoria prestigiosa.