Non è bastato un goal di Nicolò Zaniolo alla Roma per avere la meglio del Borussia Mönchengladbach nel terzo turno del girone J dell'Europa League 2019/2020: al 94′ i tedeschi hanno usufruito di un calcio di rigore, assolutamente inventato, e Lars Stindl ha riportato il match in parità. I giallorossi di Paulo Fonseca, con una squadra piuttosto rimaneggiata a causa dei tanti infortuni, hanno sfoderato una prestazione importante fatta di abnegazione e dedizione contro un buona compagine e ha colpito con una giocata poco dopo la mezz'ora della prima frazione. Nella ripresa la difesa romanista è riuscita a tenere bene l'attacco dei tedeschi e Pau Lopez non ha dovuto effettuare grandi interventi ma nel finale è arrivata la beffa, che porta la firma dell'arbitro scozzese Collum.

Le scelte di Fonseca e Rose

Paulo Fonseca ha scelto di utilizzare Mancini come mediano al fianco di Veretout davanti alla difesa composta da Spinazzola, Fazio, Smalling e Kolarov. I tre in appoggio a Dzeko sono Zaniolo, Pastore e Kluivert. In porta c'è Pau Lopez. Marco Rose non cambia i suo ‘Gladbach e va in campo con lo stesso schieramento dei giallorossi: tra i pali Sommer; Lainer, Elvedi, Jantschke e Bensebaini in difesa; Kramer e Zakaria a fare da filtro con Herrmann, Neuhaus e Thuram a supporto di Embolo.

Il ‘Gladbach parte forte ma Zaniolo fa sorridere la Roma

La partenza della squadra di Marco Rose è davvero preoccupante per i giallorossi visto che nei primi dieci minuti prima Bensebaini, traversa colpita su calcio d'angolo, e poi Embolo, tiro a incrociare da fuori area e palla fuori di poco, fanno tremare la porta di Pau Lopez. Piano piano la Roma ha preso coraggio e al 32′ è stato Nicolò Zaniolo a portare in vantaggio con un colpo di testa su calcio d'angolo di Veretout: seconda rete stagionale in Europa League per il talentuoso centrocampista offensivo giallorosso. Pochi minuti dopo è stato annullato, giustamente, un goal a Dzeko per offside: l'errore in questo caso è di Veretout che ritarda il passaggio per il centravanti che finisce oltre la linea difensiva tedesca.

La magia di Pastore: tacco e tunnel al difensore

Poco prima del vantaggio romanista, a portare un po' di luce nel nubifragio dell'Olimpico ci ha pensato Javier Pastore: il trequartista argentino ha superato il suo difensore con un dribbling di tacco  e annesso tunnel al povero calciatore tedesco e a salvare tutto ci ha pensato Sommer con un intervento sul primo palo.

Stindl spiazza Pau Lopez ma il rigore non c'è: finisce 1-1

Nella ripresa non ci sono stati particolari sussulti e in questo modo la gara è scivolata via fino al 90′: dopo una super giocata di Dzeko che mette in porta Florenzi, con conclusione a lato del laterale giallorosso, è arrivata l'immeritata doccia fredda per la squadra di Fonseca. L'arbitro William Collum ha assegnato un calcio di rigore al ‘Gladbach al minuto 94 per un fallo di mano, che non si è mai verificato, di Smalling e il neo entrato Lars Stindl ha spiazzato Paul Lopez dagli undici metri: l'ex difensore del Manchester United colpisce di faccia per il fischietto scozzese è mano. Una scena incredibile.

Intorno all’attaccante tedesco si era creato un caso vista la sua assenza all'aeroporto di di Dusseldorf ma Stindl ha ritardato la sua partenza per la nascita del suo secondo figlio e ha raggiunto i compagni solo nella giornata di oggi.

 

Roma prima nel gruppo J

Dopo il pareggio in casa del Wolfsberger, è arrivato un altro stop in questa Europa League per i giallorossi, che restano al comando del gruppo J con un punto di vantaggio proprio sulla squadra austriaca della Carinzia e sul Başakşehir ma i punti sulle inseguitrici potevano essere due in più se non fossero arrivate certe decisioni arbitrali. Da sottolineare la grande prova di Gianluca Mancini, nel ruolo di mediano a fianco di Veretout e a protezione della coppia difensiva Smalling-Fazio, la solita prestazione generosa di Dzeko e quella di quantità-qualità di Zaniolo.