Vittoria netta anche se col batticuore per il Milan. Manita al Dudelange ma non inganni il 5-2 finale considerato l'uno-due micidiale che i rossoneri avevano subito dopo essere passati in vantaggio con Cutrone. Ritrovarsi sotto di un gol, rimontati in casa da una squadra volenterosa ma sicuramente inferiore dal punto di vista tecnico: tutto vero, la formazione di Gattuso stava mandando al ‘diavolo' un match che sembrava in controllo… per la serie, come farsi del male da soli. E deve ringraziare la malasorte (o la fortuna, dipende da che lato vi troviate) che ha procurato due autogol e spianato la strada ai rossoneri. Morale della favola, complice la sconfitta dell'Olympiakos a Siviglia, la qualificazione ai sedicesimi di finale di Europa League è in tasca.

La sconfitta a Milano e il pareggio nell'ultimo turno di Europa League contro il Betis, avevano reso più difficile il cammino del Milan per la qualificazione ai sedicesimi di finale. La squadra rossonera, oggi seconda nel gruppo F insieme all'Olympiakos e ad un punto dagli spagnoli, dopo aver battuto il Dudelange dovrà conquistare il passaggio del turno nella delicata trasferta in Grecia: match in programma il prossimo 13 dicembre con il ‘diavolo' che va in campo forte del 3-1 conquistato a San Siro e di una differenza reti migliore (+5 rispetto al +3 dei greci).

La partita di San Siro contro la formazione lussemburghese era quindi fondamentale per il destino di Rino Gattuso e dei suoi ragazzi: costretti a vincere per non perdere il treno europeo. La matematica qualificazione ai sedicesimi non sarebbe comunque arrivata al Meazza ma servirà attendere ancora l'ultima giornata per averla secondo alcune combinazioni di risultati:

  • Il Milan pareggia o vince contro l'Olympiacos
  • Il Milan perde in Grecia con 1 gol di scarto
  • Il Milan perde in Grecia con 2 reti di scarto, ma segnandone almeno due (quindi 4-2, 5-3, 6-4 e così via)
La classifica del Milan nel Gruppo F di Europa League
in foto: La classifica del Milan nel Gruppo F di Europa League