Le squadre della prossima Europa League avranno un importo totale di 560 milioni di euro da dividersi per le 48 partecipanti. I ricavi commerciali lordi – totali – contando anche Champions e Supercoppa Europea –  sono stimati in 3,25 miliardi di euro parte dei quali servirà però a coprire i costi organizzativi e per i contributi di solidarietà per le società eliminate nelle fasi preliminari e un'altra piccola percentuale rimarrà invece alla Uefa.

Il rimanente sarà di 2,55 miliardi di euro: cifra poi redistribuita tra le società europee, e divisa tra tutte le partecipanti alle massime competizioni continentali: Champions League, Supercoppa Europa e Europa League della prossima stagione.

560 milioni di euro da dividere per le 48 partecipanti

Per le sole 48 squadre che parteciperanno alla prossima Europa League la quantità di denaro a disposizione sarà di di 560 milioni di euro cifra suddivisa in quattro aree distinte: il 25% per le quote di partenza (140 milioni), il 30% per gli importi relativi alle prestazioni (168 milioni), il 15% sulla base della classifica di coefficiente di rendimento decennale (84 milioni), e il 30% per il cosiddetto "market pool" (168 milioni).

Le quote di partenza, i premi di qualificazione

Le quote di partenza Sono le quote fisse che prenderanno tutti i 48 club qualificati alla fase a gironi per un totale di 140 milioni, il che significa 2,92 milioni di euro per ciascun club. La seconda area riguarda le cifre previste in base ai risultati sportivi ottenuti. Ogni club riceverà 570 mila euro per ogni vittoria e 190mila euro per ogni pareggio e il primo nel gruppo guadagnerà un bonus di un milione di euro.

In più ci sono le altre quote fisse per ogni step: qualificazioni ai sedicesimi (altri 500mila euro) qualificazioni agli ottavi (1,1 milioni di euro) qualificazioni ai quarti (1,5 milioni)  qualificazioni alle semifinali (2,4 milioni). Per la finale c'è un premio di 4,5 milioni di euro a club. mentre per la vittoria altri 4 milioni di euro supplementari.

Ranking e market pool: gli ultimi due parametri di ‘incasso'

Il Ranking decennale è invece una classifica stilata sulla base delle prestazioni in Europa degli ultimi dieci anni. Al momento, le italiane si difendono abbastanza bene:  Roma al 29° posto, Lazio al 40° e Torino al 116°. Infine, ci saranno altri 168 milioni di euro da ripartire in base al "market pool"  in base al valore proporzionale di ogni mercato televisivo rappresentato dai club partecipanti alla prossima Europa League. Ogni quota, proporzionale al valore dei diritti televisivi del relativo mercato tv, verrà divisa tra i club in base ai risultati nelle competizioni nazionali precedenti.