Debutto col botto per l'Under21 di Di Biagio che al Dall'Ara schianta i pari età della Spagna e si aggiudica i primi tre punti dell'Europeo di categoria. Una gara vissuta in rimonta, iniziata malissimo (Spagna in vantaggio con Ceballos dopo 9 minuti) e finita in crescendo. Merito soprattutto di Federico Chiesa capace da solo di creare il doppio break per gli azzurri prima con la rete dell'1-1 poi con il 2-1 al 60′. Nel finale, reazione Spagna ma è l'Italia a passare ancora, su rigore ottenuto e segnato da Pellegrini, per il definitivo 3-1.

Subito Spagna, capolavoro Ceballos

Inizia in salita l'avventura dell'Italia di Di Biagio negli Europei di categoria. Gli Azzurri si trovano infatti subito in svantaggio per una magia di Ceballos che si inventa un euro gol da fuori area: tiro a giro di interno destro e palla che si infila nel ‘sette' più lontano della porta difesa da Meret che non può far nulla per evitare l'1-0 spagnolo.

Italia, prove di reazione

L'Italia prova una reazione che spesso si spegne sulla trequarti con la Spagna che lascia sempre altissimo il proprio baricentro obbligando gli azzurrini a dover trovare spesso il tiro dalla distanza. mettendo anche fretta nel momento della conclusione. Con le giovani Furie Rosse cortissime a difesa del vantaggio, gli spazi sono pochissimi e senza l'estro di Zaniolo, la velocità di Chiesa e la forza fisica di Kean che non riesce mai ad innescarsi, i pericoli per Simon sono davvero limitati.

Chiesa si inventa la magia: Italia di nuovo in partita

Il guizzo vincente però arriva a 10 dal termine quando l'Italia riesce a sfondare sulla sinistra della difesa iberica. Chiesa controlla magicamente un lungo lancio di Barella, punta e lascia sul posto Aguirregabiria e appena entrato in area spagnola chiude con il sinistro tra palo e portiere con la palla che si infila in porta. Con l'Italia che rientra in partita il finale di tempo è tutto azzurro ma non riesce la rimonta perfetta prima del fischio di metà gara.

Equilibrio tattico

L'Italia si ripresenta in campo con Orsolini al posto dell'infortunato Zaniolo che è uscito in barella a fine primo tempo per un colpo ricevuto alla testa. La Spagna risponde con Merlino che prende il posto di Fabian Ruiz. La gara però non prende corpo con le due squadre che temono le ripartenze avversarie, senza che i due portieri non debbano mai intervenire realmente.

Chiesa al raddoppio, l'Italia scappa

Al 60′ però c'è ancora l'Italia che si desta e trova il raddoppio che spezza gli equilibri: azione che inizia sulla destra con Orsolini che trova lo spazio per il cross in area dove Cutrone difende palla fino al tocco sotto porta dell'esterno della Fiorentina che si fa trovare al posto giusto nel momento giusto.

Pellegrini chiude i giochi

Nel finale la Spagna si fa pericolosa in area di rigore azzurra con Ceballos ma a segnare è ancora l'Italia. Pellegrini viene atterrato in area iberica da Soler ma per l'arbitro c'è bisogno del richiamo del VAR: una veloce consulenza davanti alle immagini del monitor e rigore per l'Under21 di Di Biagio. Dal dischetto il centrocampista della Roma non sbaglia: 3-1 e gara virtualmente chiusa.