Nelle ultime partite ha trovato spazio in campo con continuità dopo un avvio di stagione non semplice e condizionato da qualche problema fisico. Emre Can è pronto a garantire il suo contributo nella Juventus che si prepara a vivere la fase più calda della stagione tra Serie A e Champions, con la doppia sfida degli ottavi con l'Atletico Madrid alle porte. In un'intervista esclusiva a Sky, l'ex Liverpool ha fatto il punto sul momento dei bianconeri parlando anche degli obiettivi stagionali

L'intervista di Emre Can

I problemi fisici e la fase d'ambientamento nel calcio italiano sembrano ormai alle spalle per Emre Can. Il centrocampista tedesco sta vivendo un buon momento di forma e non vuole fermarsi per tornare agli standard di Liverpool: "I primi mesi qui in Italia per me non sono stati semplici. Ho avuto diversi problemi fisici, poi sono stato operato. Adesso mi sento meglio, sono tornato in campo. Sicuramente devo ritrovare il ritmo e abituarmi al calcio italiano ma mi sento bene, in forma. Sono pronto a dare il massimo".

Emre Can sul momento no della Juventus

Qualcosa è andato storto alla Juventus nelle ultime due uscite contro Atalanta in Coppa Italia e in Parma. Cosa succede ai bianconeri? Emre Can ha parlato dell'emergenza difesa legata all'assenza di Bonucci e Chiellini, e del momento della Juve senza fare drammi: "Qui in Italia le squadre sono più preparate tatticamente, forse il calcio in Inghilterra è più veloce ma qui a volte è davvero difficile segnare. Possiamo imparare da partite come quelle contro il Parma. Abbiamo giocato bene, con un buon possesso palla, abbiamo segnato tre gol ma non possiamo permetterci di concederne tre agli avversari. Dobbiamo difendere meglio a livello di squadra. Come ho detto, dobbiamo imparare, ma è meglio commettere certi errori adesso che più avanti durante la stagione. La difesa? Ovviamente Bonucci e Chiellini sono due grandissimi giocatori, molto importanti per noi. Ma abbiamo anche altri bravi difensori e non credo che i gol subiti di recente siano dovuti alla loro assenza. Dobbiamo migliorare le prestazioni come squadra, in fondo abbiamo sbagliato solo le due ultime partite dopo averne vinte tante di fila negli ultimi mesi. Non vediamo l’ora di tornare a vincere, partendo dalla prossima".

La Champions League e il fattore Cristiano Ronaldo

Impossibile non spendere parole sull'imminente confronto degli ottavi di Champions contro l'Atletico Madrid, ormai alle porte. Emre Can è fiducioso: "Contro l'Atletico Madrid sarà molto dura, è uno degli avversari più forti che potessimo pescare nel sorteggio. Sono una squadra tosta, che difende molto bene e contro la quale è difficile giocare. Ma noi siamo la Juventus, dobbiamo credere in noi stessi e provare a vincere". E una grossa mano potrà arrivare da Cristiano Ronaldo: "È bello giocare con Ronaldo, tutti vorrebbero averlo in squadra. È un campione in campo e un bravissimo ragazzo fuori, è sempre disponibile e si impara tanto da lui. Dà una grande carica a tutta la squadra e al club. L’anno scorso contro di lui avevo perso la finale di Champions League, quest’anno voglio vincerla insieme a lui".

Gli obiettivi stagionali della Juventus

In conclusione una battuta sugli obiettivi stagionali della Juventus tra Champions e campionato: "Ho sentito molte volte qui in Italia i nostri tifosi dire che quest'anno dobbiamo vincere la Champions, non vedono l'ora che accada. Ovviamente anche noi ma non dobbiamo pensare, come sento dire, che siamo già campioni d'Italia. La Juventus ha l'occasione di vincere lo scudetto per l'ottava volta di fila ma è sempre difficile riuscirci, c'è tanto duro lavoro dietro. Lo scudetto è il nostro primo obiettivo ma ovviamente c'e' anche la Champions".