Sotterrata da 4 gol e spazzata via l'Udinese di Davide Nicola, la Juventus di Massimiliano Allegri comincia a pensare all'appuntamento decisivo in Champions League di martedì prossimo. Contro l'Atletico Madrid di Diego Simeone, che parte con i favori del risultato dell'andata, la formazione bianconera si gioca infatti il suo futuro europeo e il principale obiettivo della stagione: per il quale è stato fatto in estate il clamoroso investimento per l'acquisto di Cristiano Ronaldo.

Per superare il difficile ostacolo dei Colchoneros servirà non solo una grande partita da parte di chi andrà in campo, ma anche il prezioso supporto psicologico di chi invece andrà in panchina. Il gruppo prima di tutto, è stato infatti il messaggio che Allegri ha utilizzato per spronare i suoi e tenere alta la concentrazione in vista del ritorno di Champions con gli spagnoli.

La carica arriva attraverso i social

Paulo Dybala, dopo l'iniziale panchina con i friulani, è in dubbio anche per la sfida decisiva contro la formazione del Cholo Simeone. Sulla presenza o meno della "Joya" dal primo minuto, pesa infatti il lieve fastidio al piede che l'argentino ha accusato al "Wanda Metropolitano" e che è riapparso nei minuti finali di Napoli-Juventus: problema che però non ha evitato ad Allegri di mandarlo in campo con l'Udinese nell'ultimo quarto di gara, proprio per testarne le condizioni.

In attesa di conoscere le scelte del suo allenatore, che potrebbe mettere l'ex Palermo in ballottaggio con il rientrante Douglas Costa, l'argentino ha voluto caricare ambiente e compagni con un tweet pubblicato sul suo profilo ufficiale. Poche righe, prese in prestito dal grande Muhammad Ali, per spingere la Juventus verso l'impresa: "Le ferite passano,la voglia di combattere mai. Abbiamo bisogno di tutti, abbiamo bisogno del massimo da ciascuno di voi. Insieme".