Grande paura a Cobham, la sede degli allenamenti del Chelsea, dove una pesante lastra di vetro è stata sollevata da una fortissima raffica di vento e si è scagliata contro l’auto di Antonio Conte, che in quel momento stava dirigendo la seduta quotidiana. La parte anteriore della Nissan Juke, che secondo quanto riferisce il ‘Sun’ è stata spesso utilizzata anche dalla moglie dell’allenatore, è stata completamente distrutta. Sfiorato dalla lastra il direttore della comunicazione dei ‘Blues’ Steve Atkins. Le telecamere di sicurezze hanno chiarito tutto e hanno reso semplice la ricostruzione. Quella lastra di vetro prima di precipitare sul parcheggio era volata sul terrazzo dell’edificio che ospita anche l’ufficio di Conte.

Conte vs Mou

In queste ultime settimane l’ex allenatore della Juventus è diventato grande protagonista perché autore di una polemica tanto lunga quanto sterile con José Mourinho. In ogni angolo del mondo si parla delle bruttissime parole che si sono tirati addosso i due, che si avvicinano allo show-down di febbraio quando a Old Trafford si incontreranno Manchester United e Chelsea, in una partita che si prevede infuocata in campo e fuori.

Il futuro di Conte

Antonio Conte ha un contratto valido fino al 2019 con il Chelsea, ma nonostante il successo in Premier League dello scorso anno e i buoni risultati di questa stagione (Hazard e compagni sono in corsa in tutte e quattro le manifestazioni) non è così certo di rimanere anche nella prossima stagione, per via di rapporti non idilliaci con Abramovich. Il ritorno in nazionale è un’ipotesi che non si può escludere, il Milan sicuramente lo sogna per la rifondazione, ma c’è anche il Paris Saint Germain, che, oltre Conte, segue anche Mourinho, Allegri, Pochettino e Simeone per l’eventuale successione dello spagnolo Emery.