L'operazione a Merih Demiral, che ha subito un intervento al ginocchio sinistro dopo l'infortunio di domenica sera a Roma, è riuscita perfettamente. Lo ha reso noto la stessa Juventus che ha pubblicato il bollettino medico ufficiale sulle condizioni del calciatore. Il difensore era stato costretto ad abbandonare il campo dopo un quarto d'ora di gioco per il grave incidente capitato, lo stesso che sarebbe successo venti minuti dopo a Nicolò Zaniolo (ma all'altra gamba): rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro con associata lesione meniscale, fu questa la diagnosi durissima.

Il comunicato ufficiale della Juve sull'operazione a Demiral

L'esito degli esami strumentali confermò le sensazioni negative che erano emerse già nell'immediato dopo gara, quando Demiral lasciò lo stadio Olimpico in stampelle. Oggi il report del club bianconero ha chiarito anche quanto tempo dovrà stare fermo e quando potrà a tornare a disposizione della squadra. Non prima di sei, al massimo sette mesi. Stagione finita, sarà pronto per la prossima estate ma non potrà prendere parte agli Europei: ironia della sorte avrebbe giocato il 12 giugno contro l'Italia proprio nello stesso impianto – quello della Capitale – dove domenica sera s'è fatto male. "Non mi arrendo", aveva scritto in un post su Instagram ma il referto medico vanifica ogni buona intenzione.

Merih Demiral questa sera è stato sottoposto ad intervento chirurgico di ricostruzione del legamento crociato anteriore e sutura del menisco laterale del ginocchio sinistro. L’intervento, eseguito presso la clinica Hochrum di Innsbruck dal professor Christian Fink alla presenza del medico sociale della Juventus dott. Tzouroudis, è perfettamente riuscito. I tempi necessari per un recupero ottimale sono di 6-7 mesi.