Di Stefano, Puskas, Gento. A sentire i loro nomi vengono i brividi, da far accapponare la pelle degli sportivi, degli appassionati di calcio, quelli che hanno i capelli bianchi e quelli che ne hanno letto le imprese sui libri; quelli che che su youtube trovano ricordi virati seppia oppure hanno appreso dai padri pezzi di storia leggendaria scritto sul rettangolo verde. In occasione della Champions League che da febbraio fino a maggio farà da prologo al Mondiale in Russia, la rivista France Football ha selezionato una speciale classifica annoverando i tridenti più forti.

Sessant'anni di gol, prodezze e trionfi raccolti nella top 10 dominata dalle stelle del Real Madrid e sfumata di bianconero per la presenza in graduatoria (8° posto) di Del Piero, Vialli, Ravanelli che sollevarono il trofeo dalle ‘grandi orecchie' nel 1996, battendo in finale e ai rigori (5-3, dopo l'1-1 dei tempi regolamentari) l'Ajax.

Chi c'è alle spalle del tridente blancos? La ex MSN del Barcellona, micidiale fino a quando Neymar – che ha scelto di passare al Psg convinto da una pioggia di milioni – era accanto a Messi e a Suarez nella finalissima di Berlino del 2015 (vinta 3-1 contro la Juventus). Letale abbastanza da tenere testa alla BBC delle merengues (Bale, Benzema, Cristiano Ronaldo) dominatrice nel 2014 e nel 2016. A completare il podio c'è ancora CR7 ma in compagnia di Rooney e Tevez ai tempi del Manchester United.

La top 10 dei tridenti di Coppa

Oltre mezzo secolo fa. Serve tornare indietro nel 1960 per trovare – secondo France Football – il tridente più forte e completo del calcio europeo, capace di trionfare in quella che allora era la Coppa dei Campioni. In classifica, però, non potevano mancare altre due icone come Cruijff (con Keizer e Rep nell'Ajax del 1973) ed Eusebio (con José Aguas e José Augusto nel Benfica del 1962).

1. Di Stéfano-Puskas-Gento (Real Madrid 1960)
2. Messi-Neymar-Suárez (Barcellona 2015)
3. Ronaldo-Rooney-Tévez (Manchester United 2008)
4. Cruijff-Keizer-Rep (Ajax 1973)
5. Ronaldo-Benzema-Bale (Real Madrid 2014 e 2016)
6. Messi-Henry-Eto'o (Barcellona 2009)
7. Muller-Hoeness-Rummenigge (Bayern 1976)
8. Del Piero-Vialli-Ravanelli (Juventus 1996)
9. Eusebio-José Aguas-José Augusto (Benfica 1962)
10. Voeller-Boksic-Pelé (Marsiglia 1993)