La partita Napoli-Atalanta fa parte, a causa di un paio di grossi errori arbitrali, della storia di questo campionato. Dopo quel match il presidente De Laurentiis si è sfogato prima in conferenza stampa e poi ai microfoni di Sky. Il numero uno partenopeo ha attaccato duramente la classe arbitrale e se l'è presa in particolare con i suoi vertici: Nicchi e Rizzoli. La rabbia è poi via via sbollita, ma il mancato rigore per il fallo di Kjaer su Llorente De Laurentiis non lo ha dimenticato e per questo ha deciso di fare una telefonata al presidente federale Gravina.

La telefonata di De Laurentiis al presidente Gravina

Il proprietario del club partenopeo ha deciso di non parlare né con Nicchi né con Rizzoli e nella giornata di giovedì ha telefonato al presidente della Federcalcio Gabriele Gravina. La chiacchierata è stata molto lunga. Secondo quanto scrive il ‘Corriere dello Sport' il presidente del Napoli ha confermato quanto detto in tv e ha chiesto di fare un repulisti dei vertici arbitrali. De Laurentiis se la sarebbe presa molto dopo aver visto soprattutto Ancelotti, allenatore molto corretto, buttato fuori dal campo dall'arbitro Giacomelli.

I dubbi sul contatto in area tra Kjaer e Llorente

Quello di Giacomelli è stato un arbitraggio molto discusso. Il fischietto di Trieste, che quando il punteggio era ancora sull'1-1, ha deciso di punire solo con un'ammonizione un fallo duro di Pasalic su Callejon, avvenuto al limite dell'area di rigore, non ha giudicato falloso il contatto in area tra Kjaer e Llorente. Il fallo del danese sembra esserci, l'arbitro ha lasciato correre e l'Atalanta in quell'azione ha trovato il pari. Giacomelli soprattutto non è voluto andare a rivedere le immagini al VAR, ha lasciato decidere Banti, ex fischietto che è rimasto nel giro come arbitro del VAR.