Il Milan avrebbe già deciso di cambiare allenatore per la prossima stagione. Stefano Pioli non ha convinto da dirigenza rossonera e secondo quanto riferisce il quotidiano spagnolo Mundo Deportivo sarà Marcelino García Toral a sedere sulla panchina del Diavolo nella stagione 2020-2021. L'ex allenatore di Villarreal e Valencia è stato contattato un mese e mezzo fa da Paolo Maldini, direttore tecnico del Milan, che gli ha presentato il progetto del club di via Aldo Rossi e la decisione di scommettere sull'allenatore di Villaviciosa è stata anche di Zvonimir Boban. Il tecnico spagnolo ha ricevuto diverse offerte nelle ultime settimane ma le ha rifiutate tutte per rispettare l'accordo che avrebbe già trovato con il Milan.

L'agente di Marcelino smentisce: Nessun incontro

Per fare chiarezza sulla situazione, Calciomercato.it ha contattato in esclusiva Eugenio Botas, l’avvocato e procuratore di Marcelino, che ha smentito contatti e accordo con il Milan ma non ha chiuso le porte all'ipotesi rossonera. Sulle indiscrezioni di questa mattina, Botas ha così risposto:

Dobbiamo dire che Marcelino non ha mai incontrato Paolo Maldini e non ha ricevuto, ad oggi, nessuna offerta dal Milan per la prossima stagione. Pertanto, le informazioni non sono corrette e non si adattano alla realtà attuale.

Milan, Allegri e Rangnick i nomi per la panchina

Il club di via Aldo Rossi è già al lavoro per una nuova ricostruzione ma in seno alla dirigenza ci sono due visioni diverse sul profilo del nuovo allenatore: Paolo Maldini e Zvonimir Boban vorrebbero affidarsi a Massimiliano Allegri mentre l’amministratore delegato Ivan Gazidis vorrebbe portare in Italia Ralf Rangnick. Il club rossonero potrebbe ritrovarsi con tre tecnici a libro paga almeno fino al 2021 e un monte ingaggi altissimo per i propri allenatori, a meno di rescissioni consensuali o nuovi impieghi da parte dei due attuali sotto contratto.