Lo ho già detto più volte. Mi ritirerò a 41 anni. Ho 23 anni di età biologica.

Cristiano Ronaldo mette i paletti alla sua carriera e svela che durerà almeno altri sette o otto anni. Il fuoriclasse del Real Madrid lo ha dichiarato nel corso di un’intervista alla popolare trasmissione televisiva iberica El Chiringuito de Jugones, pochissimi giorni prima della finalissima di Champions League contro il Liverpool. I test effettuati nella cittadella sportiva di Valdebebes sullo stato fisico di CR7 parlano chiaro ma, se ce ne fosse bisogno, basterebbe prendere i numeri a parlare chiaramente a favore del fenomeno portoghese: 26 goal in Liga, 22 da gennaio, e altri 15 nella presente edizione della Champions League, che hanno portato il bottino complessivo nella competizione europea a quota 120 reti complessive.

Il numero 7 è e resterà il leader incontrastato della Casa Blanca e quando gli chiedono sul possibile arrivo di Neymar al Real Madrid, CR7 risponde con un un sorriso beffardo e una replica che lascia pochi dubbi sul suo pensiero in merito alla questione:

Sono a Madrid da otto anni e ogni anno si dice che arriveranno 50 nuovi rinforzi, poi non arriva mai nessuno. In finale, però, arrivano sempre gli stessi, perché tutti i migliori sono già qui: Bale, Benzema, Asensio… Sono tutti qui.

In questo momento il suo unico pensiero è la finale di Champions League contro il Liverpool che porterebbe il bottino personale a 5 coppe dalla grandi orecchie, ovvero lo stesso numero che possono vantare, al momento, club storici e importantissimi come il Barcellona, il Bayern Monaco e la stessa squadra britannica che Cristiano Ronaldo si ritroverà di fronte a Kiev sabato sera: "Il futuro è tutto nella partita di sabato. Dobbiamo giocare, vincere ed entrare nella storia. È l’unica cosa che conta adesso!".