Mai in gol su azione a San Siro. Nella carriera di super bomber c'è una macchia e Cristiano Ronaldo spera di cancellarla domenica sera contro il Milan. Eccezion fatta per la rete siglata in finale di Champions contro l'Atletico Madrid su calcio di rigore, CR7 ha un conto aperto con il ‘Meazza' che finora gli ha riservato poche opportunità per esultare alla sua maniera, sia col salto a gambe divaricate oppure mostrando gli addominali. In ben 4 occasioni – per 3 volte contro il Milan, 1 contro l'Inter – il cinque volte Pallone d'Oro portoghese è rimasto a secco. Anzi, gli è toccato chinare il capo e uscire sconfitto.

I precedenti col Milan. Nell'edizione della Champions del 2005 il Milan ha sconfitto il Manchester United (allora CR7 indossava la maglia dei Red Devils) per due volte sia all'andata in Inghilterra sia nella sfida di ritorno a Milano: nell'una e nell'altra partita Ronaldo non riesce mai a lasciare il segno. Nulla da fare nel 2007 quando, pur partendo dal vantaggio della vittoria in casa, lo United paga dazio in trasferta: vittoria per 3-0 dei rossoneri con la stella lusitana letteralmente ‘francobollata' da Gattuso… sì, proprio quel ‘ringhio' che ieri gli teneva il fiato sul collo e oggi alla guida dei rossoneri che lo attendono a San Siro. Un duello che ha riservato scintille anche nel 2010 tra Milan e Real Madrid (2-2) con CR7 che anche allora restò senza reti.

A bocca asciutta con l'Inter e la gioia in finale. C'è ancora un altro precedente e risale agli ottavi di finale di Champions del 2008: a San Siro non andò oltre lo 0-0 contro l'Inter. Nella finalissima tutta madrilena del 2016 nemmeno riuscì a mettere il proprio nome in calce al tabellino nei 120 minuti regolamentari, bloccato dalle marcature serrate che il Cholo aveva fissato su di lui per neutralizzarne la potenza. La gioia fu comunque grande, perché fu proprio Ronaldo a segnare la rete decisiva che assegnò la Champions al Real.